MADE IN ITALY –Tessile:danno immagine da pubblicità Alitalia

LAVORO – Eaton: 8 in sciopero della fame e...

14 dicembre 2010 Comments (0) Dalla home page

FISCO –Catasto: presto prorogata la regolarizzazione

Proroga di un anno fino al 31 dicembre 2011 del termine per la regolarizzazione degli immobili non ancora accatastati. E quanto prevede un ordine del giorno presentato dal senatore Cosimo Izzo, vicepresidente del gruppo del Pdl, e accolto dal Governo nell’ambito della legge di stabilita approvata in via definitiva dal Senato il 7 dicembre scorso. La norma prevede che in caso di inottemperanza l’ufficio provvedera alla definizione di una rendita presunta con addebiti delle spese a carico del contribuente nonche una sanzione da un minimo di 258 euro ad un massimo di 2.066 euro.

A causa della blindatura del provvedimento, senza modifiche non e stato possibile far approvare subito la norma che prevedeva la proroga, tuttavia il Governo si e impegnato ad assumere urgenti iniziative volte a prevedere la proroga del termine del 31.12.2010 al 31/12/2011 facendo slittare la validita della norma al 1 gennaio 2012. Ricordiamo che attualmente il termine per presentare la dichiarazione di aggiornamento catastale e fissata al 31 dicembre 2010. L’art. 19 del D.L. n. 78 del 31 maggio 2010, convertito con modificazioni dalla legge n. 122 del 30 luglio 2010 (Manovra finanziaria) ha istituito dal 1 gennaio 2011 l’anagrafe immobiliare integrata, gestita dall’Agenzia del Territorio, cioe una “banca dati” che raccoglie i dati del catasto e dei comuni, al fine di individuare il titolare dei diritti reali sugli immobili. I Comuni potranno accedere a questo sistema sulla base di regole emanate dal Ministero dell’Economia. Chi ha costruito o ampliato immobili senza registrarli al catasto, puo entro il 31 dicembre 2010 sanare la propria situazione. In caso di mancata presentazione degli aggiornamenti, l’Agenzia del Territorio, nelle more della iscrizione in catasto, procede all’attribuzione di una rendita presunta. Dal 1° gennaio 2011, inoltre, sara lanciato un monitoraggio costante del territorio, anche mediante telerilevamento e sopralluoghi sul terreno.

Il 30 settembre 2010 e stato il termine ultimo per la pubblicazione, da parte dell’Agenzia del Territorio, delle operazioni di rilevamento dei fabbricati nascosti al catasto, o modificati rispetto all’originale accatastamento, e di quelli che hanno perso i requisiti di ruralita. Tra il 2007 e il 2009 l’Agenzia ha scovato oltre 2 milioni di case fantasma, e ha individuato anche 800 mila fabbricati censiti come rurali ma che hanno perso i requisiti di ruralita. Al 30 settembre 2010 le abitazioni nascoste al catasto che sono state regolarizzate erano 560mila.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.