PMI-Credito:conto insoluti, ricerca e internazionalizzazione

IMPRESE – Cibo: dall’Amiata un gusto davvero green

28 settembre 2010 Comments (0) Approfondimenti

FISCO – Studi di settore: chi è in crisi può evitarli

Gli studi di settore si possono evitare, in periodi di crisi nello svolgimento delle attivita di impresa. La Fondazione studi del Consiglio nazionale dei consulenti del lavoro, infatti, ha ritenuto che possono essere nulli gli accertamenti induttivi fondati ‘sullo scostamento delle medie di ricarico applicate da un’azienda in crisi dagli studi di settore’, perche in presenza di scritture contabili formalmente corrette un’azienda in crisi potrebbe presentare dati discordanti dalle medie del settore di appartenenza e la Fondazione segnala anche gli elementi che provano una crisi aziendale in corso, tali da escludere l’applicazione degli studi e che sono la riduzione o la sospensione dell’attivita produttiva con l’intervento di ammortizzatori sociali. In questo caso, e consentito, al momento della compilazione della dichiarazione dei redditi, richiedere l’esclusione, che necessita comunque l’accertamento da parte degli organi preposti. In ogni caso, percio, e necessario poter presentare prove incontrovertibili dello stato di crisi, anche in caso di cassa integrazione cic e cigs, o di licenziamenti collettivi, in modo da evitare complesse controversie con il Fisco.

Cio significa che i contribuenti che risultano non congrui alle risultanze degli studi di settore hanno la possibilita, nel campo delle Note aggiuntive di Gerico, di segnalare le eventuali circostanze in grado di giustificare lo scostamento, considerando i correttivi per la crisi. Nel presentare la dichiarazione dei redditi di un’azienda in crisi secondo i parametri sopra citati, il contribuente deve indicare nell’apposito campo la causa di esclusione dell’applicazione dei parametri e degli studi di settore, utilizzando la sezione Altre situazioni con l’indicazione, nelle note aggiuntive, delle motivi che hanno indotto a questa scelta. Sara poi l’amministrazione finanziaria ad accettare o meno le cause di esclusione e dare il via, eventualmente al conseguente contenzioso che ne puo scaturire. (Fonte:businessonline.it – Marcello Tansini)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.