IMPRESE – Estero: nuovo accordo Ice-Confindustria per i servizi...

MADE IN ITALY – Etrichetta alimentare: Coldiretti, dopo 10...

18 gennaio 2011 Comments (0) News

FEDERALISMO – Comuni: Confedilizia, dopo l’Ici, una nuova patrimoniale se si lega la tassa rifiuti alla rendita catastale

Se va avanti il progetto di legare la tassa rifiuti alla rendita catastale, vuol dire che s’e fatta la scelta di istituire una nuova patrimoniale, dopo l’Ici. Lo ha affermato il presidente di Confedilizia, Corrado Sforza Fogliani. ”La rendita – ha poi spiegato – conserva il vecchio nome (oggi fuorviante) di quando gli estimi erano rappresentativi dei redditi, ma oggi la rendita e invece rapportata al valore degli immobili. La Tarsu – ha poi aggiunto Sforza Fogliani – condannata alla sopravvivenza dalla incapacita, e soprattutto dalla non convenienza, dei Comuni di trasformarla in tariffa, come pure dalla legge previsto, se rapportata alla rendita a valore, sarebbe quindi una nuova patrimoniale pura e semplice, che si aggiungerebbe all’Ici (non ancora del tutto abolita neppure per le prime case) e ad altre forme di incivile tassazione dei beni – ha ancora sottolineato il presidente di Confedilizia – al di la del fatto che producano o meno un reddito per i loro proprietari. Se il federalismo deve essere questo, la delusione di chi credeva in una riforma basata sulla competitivita tra enti com’e in tutto il mondo (quella competitivita’, a favore del parassitismo fiscale, che i Comuni sono riusciti ad evitare) e grande”.

”Dobbiamo purtroppo concludere – ha continuato Sforza Fogliani – che la lobby dei Comuni (che ha il gioco facile, perche di Comuni ce ne sono di ogni appartenenza politica) sta ottenendo quel che voleva: di trasformare il federalismo in una panacea per lo spreco degli enti locali e in un salasso per i contribuenti. Dov’e il cambiamento, se tutto sommato rimarrebbe di fatto in piedi il sistema dei trasferimenti e con loro l’irresponsabilita degli enti locali? L’esempio piu eclatante si ha col federalismo demaniale: che prevede la consegna agli enti locali anche delle opere di bonifica, ma per le quali (eccettuati i reliquati di nessun valore, una presa in giro) il Governo non risulta neppure avere ancora individuato l’amministrazione centrale deputata a curare le istruttorie per la consegna… Altro che federalismo – ha concluso il presidente di Confedilizia – questo e centralismo allo stato puro”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.