CULTURA – Circhi: viaggi a rischio per gli animali...

LAVORO – Fincantieri: Fim-Fiom-Uilm: no a ristrutturazione o riorganizzazione...

17 febbraio 2011 Comments (0) News

FEDERALISMO – Municipale: l’Iva da distribuire ai Comuni sarà legata ai consumi e a fare la parte del leone sarà il Nord

L’Iva da distribuire ai Comuni sara legata ai consumi. E’ questo uno dei pochi punti fermi che abbiamo, dopo la lettura del nuovo testo sul federalismo municipale che verra presentato nei prossimi giorni dal ministro Calderoli”. E’ quanto si legge in una nota della Cgia di Mestre che, alla luce di questa novita, ha quantificato quanti soldi finiranno nelle casse comunali con l’applicazione di questo nuovo testo legislativo.

”L’unica certezza che attualmente conosciamo, e che l’Erario devolvera ai Comuni un gettito Iva derivante dai consumi pari a circa 3 miliardi di euro (precisamente 2,889 miliardi). Sapendo che il gettito a livello nazionale e di 59 miliardi di euro, l’Ufficio studi degli artigiani e piccoli imprenditori mestrini ha ipotizzato che la compartecipazione avra un’aliquota del 4,9%. Applicando questa aliquota al valore provinciale stimato dell’imposta sui consumi, emerge che i Comuni maggiormente premiati saranno quelli della Provincia di Milano, con 209 euro pro capite, quelli della provincia di Roma, con 132 euro pro capite e quelli della provincia di Verona, con 96 euro procapite. A livello di macro area, invece, il Nord fara la parte del leone. Su 2,88 miliardi di euro devoluti, 1,7 miliardi andra alle realta settentrionali, 716 milioni di euro al Centro e 463 milioni al Sud”.

”E’ chiaro – ha commentato il segretario Giuseppe Bortolussi – che tendenzialmente verranno premiate le realta territoriali che presentano i piu elevati livelli di reddito e una forte concentrazione di attivita economiche e produttive. Infatti, su un totale di 2,9 miliardi di euro che saranno devoluti a titolo di compartecipazione Iva ai Comuni, ben 1,7 miliardi di euro, pari al 59% del totale, finira a quelli del Nord. Tuttavia va ricordato che con la definizione del Fondo sperimentale di riequilibrio, queste disparita di trattamento dovranno essere attenuate”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.