IMPRESE _ Workshop Uir su commercio nel Sud-Est asiatico

CRISI – Campagne: consorzi di difesa al collasso

1 ottobre 2009 Comments (0) News

EXPORT – In flessione ma recupera sull’Extra Ue

Urso: flessione allineata a quella di altri Paesi manufatturieri

”Il dato di agosto, i cui valori assoluti sono normalmente poco significativi rispetto agli altri mesi dell’anno per motivi stagionali, non deve preoccuparci eccessivamente e la prova del nove per vedere lo stato di salute del Made in Italy nel mondo si avra con i risultati di settembre”. E’ quanto ha affermato Adolfo Urso (nella foto), vice ministro allo Sviluppo economico con delega al Commercio Estero commentando i dati diffusi dall’Istat.
”La flessione del 15% – ha spiegato Urso – e allineata con le prime stime relative all’export di altri importanti Paesi manifatturieri che hanno anch’essi fatto registrare in agosto delle forti cadute tendenziali, come la Cina (-22%) e il Giappone (-36%), a dimostrazione della dinamica ancora molto incerta degli indicatori del commercio internazionale. Segnali positivi – ha aggiunto – arrivano pero dalla bilancia commerciale con i Paesi Extra Ue che nel mese di agosto risulta ancora negativa per 969 milioni di euro ma nettamente migliore rispetto al passivo di 2.091 milioni di euro registrato nell’agosto 2008. Anche nel periodo cumulato gennaio-agosto 2009 il saldo negativo, pari a 3.166 milioni di euro – ha ribadito – e risultato notevolmente inferiore a quello registrato nello stesso periodo dello scorso anno (16.484 milioni di euro) e ci porta a dire che potremmo avere, per la prima volta da un decennio a questa parte, alla fine dell’anno l’azzeramento del deficit commerciale”. Un altro elemento significativo, secondo il viceministro, riguarda la geografia dell’export che cambia rotta ed e sempre piu indirizzata verso il sud est asiatico, dove si sono anche concentrate le recenti missioni guidate dallo stesso Urso, a partire dalla Cina dove ad agosto cresce l’export (+5,5% rispetto ad agosto 2008) trascinata dal settore delle macchine e apparecchi. Verso tutti gli altri principali paesi Extra Ue i cali tendenziali mensili si mantengono infatti superiori al 20%. ”Proprio per questo – ha concluso Urso – stiamo preparando un progetto speciale sul sud est asiatico che riguarderail sostegno del Made in Italy nell’intera area”. Per quanto riguarda i settori merceologici, le diminuzioni piu contenute si registrano per gli alimentari (-5,5% ad agosto 2009 su agosto 2008) e i mezzi di trasporto (-8%).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.