LAVORO-1° Congresso regionale Consulenti del Lavoro del Veneto: Padova,...

MADE IN ITALY-Google e Unioncamere promuovono la digitalizzazione: bando...

20 aprile 2015 Comments Off on EXPO-Food Boost, come ridare impulso all’industria alimentare italiana: Parma, 22 aprile News

EXPO-Food Boost, come ridare impulso all’industria alimentare italiana: Parma, 22 aprile

Nell’anno in cui l’universo food è più che mai sotto i riflettori globali grazie al tema portante di EXPO, sono innumerevoli le opportunità per l’industria alimentare italiana di valorizzare la propria unicità, il know-how distintivo e la qualità riconosciuti in tutto il mondo, per ritagliarsi nuovi spazi di crescita sui mercati internazionali. Secondo Federalimentare, infatti, nel 2015 è atteso un incremento del +5,5% delle esportazioni di prodotti agroalimentari made in Italy.

Spesso, tuttavia, l’eccellenza delle imprese del settore è oggi fortemente limitata da processi di
pianificazione e gestione delle attività inadeguati a supportarne lo sviluppo in maniera efficace. Cosa serve, quindi, per dare nuovo impulso al comparto food&beverage, affinché l’ambizione di “Nutrire il
Pianeta” possa tradursi anche in una reale occasione di crescita per le aziende del nostro Paese?

Nasce dalla volontà di fornire risposte concrete a questa esigenza “FOOD BOOST” Liberare l’eccellenza
con la Supply Chain, l’evento promosso da GEA Consulenti di Direzione e ASSET in collaborazione con
la rivista Food – il 22 aprile dalle 9:30 alle 17:00 presso Fiere di Parma – per porre l’accento su come una
gestione evoluta della supply chain possa contribuire sensibilmente a valorizzare il potenziale inespresso
dell’industria alimentare italiana.

Luigi Consiglio

Luigi Consiglio

“L’incapacità di servire i canali distributivi mondiali in modo efficiente e rapido, dovuta a una
pianificazione poco strategica delle proprie attività produttive e a uno scarso controllo dei processi che
regolano l’intera supply chain, rappresenta in molti casi uno degli ostacoli principali allo sviluppo delle
imprese italiane del food – commenta Luigi Consiglio, presidente di GEA Consulenti di Direzione – Uno spreco di capitali dovuto al sovradimensionamento degli impianti causato da una programmazione non ottimizzata, che penalizza fortemente la crescita dei nostri marchi, soprattutto

sul fronte dell’internazionalizzazione. Con FOOD BOOST, vogliamo offrire a tutte le aziende del settore l’opportunità di capire come sfruttare al massimo le proprie risorse produttive e distributive, per innovare la gestione della supply chain e accelerare la generazione di fatturato e profitto”.

Locandina

Locandina

L’evento sarà articolato in due momenti principali: un convegno mattutino e una serie di tavoli
tematici pomeridiani organizzati in sessioni parallele, durante i quali i partecipanti potranno
approfondire aspetti particolarmente rilevanti per la supply chain alimentare. La giornata aprirà con
un’introduzione di Andrea Sianesi, Partner di ASSET sui macro-trend in atto nel settore riguardo
all’Operations&Supply Chain Management; a seguire, saranno presentati i risultati della ricerca
condotta da GEA e ASSET quale primo passo per comprendere il livello di evoluzione delle imprese del
food italiano nei processi di gestione della domanda e pianificazione delle operazioni, con un intervento
dal titolo Sales&Operations Planning: No Man’s Land.

Nel corso del convegno, l’eccellenza nella gestione evoluta di Operations e Supply Chain sarà
testimoniata da tre casi di successo illustrati da: Antonio Copercini, Chief Group Supply Chain Officer,
Gruppo Barilla; Ivano Poli, Direttore Logistica e Supply Chain, Grandi Salumifici Italiani; Danilo Vaccaro, Supply Chain Director, Acqua Minerale San Benedetto. Chiuderà la prima parte dell’evento una tavola rotonda moderata da Cristina Alfieri, Direttore Editoriale di Food, che vedrà anche la partecipazione di Fabrizio Tellarini, Senior Partner di GEA.

Nel pomeriggio, a partire dalle 14:00, esperti della supply chain alimentare guideranno i partecipanti nella comprensione di acronimi astrusi come OEE, CDP e CPFR, all’interno di quattro tavoli tematici dedicati a esplorare nel dettaglio aree particolarmente critiche per il successo di un’azienda: Manufacturing Excellence, Sales & Operations Planning, Logistics and Distribution, Going International. L’evento si concluderà, così, con l’individuazione da parte dei protagonisti dell’alimentare italiano di azioni prioritarie da intraprendere per essere vincenti sui mercati, in Italia e all’estero.
È possibile registrarsi all’evento, compilando l’apposito modulo online.

GEA, società di consulenza di direzione, dal 1965 accompagna le imprese italiane nella crescita sui mercati e nell’evoluzione manageriale. GEA opera in tutti i settori chiave del Made in Italy. Nel corso degli anni la Società ha sviluppato un know-how unico e distintivo nella gestione e crescita delle aziende, assistendole in ogni fase della loro vita. I settori d’elezione dell’attività di consulenza strategica di GEA sono l’alimentare, il largo consumo, i beni durevoli e semi durevoli, la chimica e farmaceutica, il retailing & distribuzione, la moda e il lusso, i servizi e l’energia. GEA così ha raggiunto negli anni i più importanti traguardi per i progetti e le iniziative di filiera realizzate per conto d’importanti clienti italiani e stranieri.
Fin dalla propria nascita GEA è da sempre collegata con società di consulenza presenti nei principali Paesi europei ed è ispirata da relazioni stabili con grandi scuole internazionali di management (Harvard, IMD, Insead e MIT). Di recente la Società ha siglato una partnership operativa con ASSET, società di consulenza caratterizzata da una forte collaborazione con il mondo accademico italiano, attraverso la quale ha potenziato la propria offerta di servizi nei segmenti operations & supply chain management e sistemi informativi, con un focus particolare sui mercati dell’Est, del Far East e americano.
GEA ha inoltre rafforzato la propria competenza anche nell’area della gestione risorse umane e formazione aziendale attraverso il sodalizio con theSearch, società controllata da GEA, che vanta esperienze internazionali nell’ambito dell’executive search. Attraverso questa partnership, GEA così è in grado di garantire un servizio di alta professionalità nel settore delle risorse umane in tutte le aree cui opera.
GEA International è, invece, la branch di GEA dedicata alle iniziative di crescita e di sviluppo internazionale e, più in generale, alle iniziative cross-border: una base operativa a Shanghai dal 2005, con un team interculturale di professionisti italiani e cinesi, per affiancare in modo continuativo i clienti nel delicato processo di radicamento locale. Il focus è sui Mercati Emergenti (China, India e Sud-Est Asiatico) e gli investimenti diretti nel Sud-Europa. Più in particolare, GEA International assiste aziende italiane nei loro piani di sviluppo internazionale e investitori stranieri nella ricerca di aziende italiane interessate a costruire partnership di grande respiro finalizzate alla crescita e allo sviluppo internazionale.

ASSET è una società di Advisory Indipendente e Consulenza Direzionale con sede a Milano, che dal 1990, attraverso un team di docenti universitari e consulenti professionisti, opera creando e trasferendo conoscenza e generando valore per le imprese proprie clienti. Le aree di intervento privilegiate sono Operations & Supply Chain Management e i Sistemi Informativi
ASSET contribuisce al successo dei propri clienti diffondendo le più moderne metodologie gestionali, sviluppando progetti a forte contenuto di innovazione e ricercando l’eccellenza del servizio offerto.
L’attività professionale svolta dalle persone ASSET è integrata dalla collaborazione con alcune tra le più prestigiose università italiane, che permette di coniugare lo stato dell’arte della conoscenza accademica con la più che ventennale esperienza di implementazione maturata sul campo.

Comments are closed.