CRISI – Suinicoltura: decretare lo stato di crisi

SMOG – Assoedilizia: lettera aperta di Clerici al ministro...

27 gennaio 2010 Comments (0) News

ENERGIA – Limiti Ue: ribadito il loro rispetto

E’ concorrenza sleale non rispettare i valori previsti dalla direttiva europea sulla limitazione delle emissioni in atmosfera degli inquinanti originati da grandi impianti di combustione? Il caso all’attenzione della Ue e quello di una centrale elettrica a carbone sulla costa orientale dell’Inghilterra che produce energia elettrica quasi completamente utilizzata in una fonderia di alluminio adiacente alla centrale stessa.

I concorrenti europei dell’impianto britannico che produce alluminio ricevono la loro energia elettrica dalla rete generale e sopportano pertanto i costi per il rispetto dei valori limite nella produzione di energia elettrica mentre la centrale in questione, unica fornitrice di elettricita per l’impianto di produzione dell’alluminio non rispetta gli obblighi comunitari creando un privilegio ingiustificato a cui si aggiunge un altro privilegio, quello della centrale elettrica nei confronti di altri produttori di energia, poiche circa il 9% della produzione viene ceduto alla rete di approvvigionamento generale.

La vicenda ha avuto inizio nel 2006 e l’anno successivo la Commissione Ue ha inviato alla Gran Bretagna una lettera di diffida per il mancato rispetto degli obbligi europei. Il parere dell’avvocato generale della Corte di Giustizia europea e che l’impiego di energia elettrica per produrre alluminio non costituisce un’utilizzazione diretta di prodotti di combustione in un procedimento di fabbricazione e dunque non rientra nelle eccezioni previste dal legislatore europeo poiche e sostanzialmente destinata ad una fonderia di alluminio limitrofa. Quindi, i valori limite dovranno essere rispettati e tali impianti non potranno essere esentati dal singolo Stato membro al rispetto dei valori limite di emissione europei.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.