CONTRAFFAZIONE – Agenzia dogane: coinvolgere le scuole

IMPRESE – Multinazionali: Italia poco competitiva

6 febbraio 2010 Comments (0) Dalla home page

ENERGIA – Confagricoltura: il futuro è biogas e biotech

L’energia ricavata dalle biomasse e sicuramente una delle fonti rinnovabili piu interessanti per le filiere agricole, soprattutto perche determina una ricaduta immediata sulle aree di produzione e puo costituire un’alternativa colturale e produttiva ai settori maggiormente “in affanno” sui mercati. Lo afferma in una nota la Confagricoltura annunciando la firma dell’accordo quadro di collaborazione con l’Universita Europea di Roma (Unier), per la diffusione delle energie rinnovabili. Cosi, spiega la Confagricoltura, accanto ad alcune linee di produzione ed impianti che si stanno sviluppando in specifiche aree vocate, specie in connessione con gli allevamenti zootecnici (produzione di biogas in digestori che combinano le biomasse agricole con i liquami zootecnici) sta crescendo anche l’attenzione verso la produzione di biogas alimentata da biomasse prodotte in coltivazioni specifiche e specializzate. Ne e un esempio il “progetto biogas” che prevede una sperimentazione avviata nella provincia di Foggia (produzione di metano da biomasse prodotte con l’utilizzo di un ibrido di sorgo zuccherino).

Confagricoltura ha individuato, tra le possibili innovazioni per incrementare la produzione di energia da fonti rinnovabili, le biotecnologie. Le coltivazioni biotech, infatti, garantiscono interessanti potenzialita di sviluppo ai fini dell’implementazione di un modello agro energetico di elevata prospettiva di crescita dal punto di vista economico. Per tale motivo, a Fieragricola Confagricoltura ha dedicato un workshop alla realta ed alle prospettive delle biotecnologie nelle campagne ed in particolare ai recenti avvenimenti che hanno riguardato le piante geneticamente modificate. Due ore di serrato dibattito, in cui sono intervenuti rappresentanti di imprese, enti ed associazioni interessati all’argomento, dedicato alle realta ed alle prospettive delle biotecnologie in agricoltura, dal loro utilizzo per la produzione di energia da fonti rinnovabili, alla loro applicazione al servizio della salute umana, per produrre vaccini edibili o aumentare il contenuto nutrizionale delle piante.

La ricerca nel campo delle biotecnologie, ha ribadito l’organizzazione degli imprenditori agricoli, ha permesso di ottenere piante produttrici di proteine ricombinanti utili come vaccini (contro epatite B, afta epizootica, carbonchio) oppure anticorpi prodotti nelle piante (detti planticorpi) per la diagnosi e il trattamento di malattie contagiose e tumori. Inoltre le piante possono produrre proteine con proprieta farmaceutiche (enzimi, ormoni per la crescita) o polimeri biodegradabili (elastina, collagene) con possibili applicazioni industriali. Un’altra interessante applicazione delle biotecnologie verdi riguarda la produzione di piante con un piu alto contenuto nutrizionale. Molte delle nostre comuni colture alimentari non sono perfette sotto il profilo nutrizionale: la loro composizione e il loro contenuto in proteine, amido e olii, cosi come il contenuto in vitamine e micronutrienti, possono essere migliorati, per ottenere alimenti piu nutrienti.

Tutto questo e stato inquadrato nell’attualissimo dibattito sulla possibilita di coltivare varieta transgeniche in Italia animato dalla recente decisione del Consiglio di Stato e dalla definizione delle regole di “coesistenza” tra le coltivazioni geneticamente modificate e le altre. Nei giorni scorsi, infatti, le Regioni hanno rinviato l’adozione delle cosiddette “linee guida” su cui basare le regole di coesistenza. Fallito il tentativo di approvare il documento il 21 gennaio scorso, gli assessori hanno deciso di coinvolgere in un ampio confronto tutte le parti interessate alla discussione (agricoltori, ambientalisti, consumatori etc.) rinviando, di fatto, la decisione in programma. Parallelamente e stata resa nota la decisione del Consiglio di Stato che impone all’Amministrazione di decidere entro novanta giorni sulla richiesta di autorizzazione alla coltivazione di una varieta di mais Ogm presentata da un’impresa agricola friulana. Una decisione importante, perche consente di rompere gli indugi obbligando l’Italia ad assumere una linea precisa ed a non rinviare il problema opponendo la mancanza delle regole di coesistenza. “In Italia – ha commentato il presidente Federico Vecchioni – c’e un approccio demagogico e populista verso gli Ogm. Se ne impedisce la sperimentazione in campo, mentre il 92% della soia che importiamo, principalmente come base di mangimi animali, e geneticamente modificata. Siamo di fronte ad un no pregiudiziale come quello all’energia nucleare: non la produciamo, ma la importiamo”.

Per Confagricoltura la bozza di “linee guida” prevedeva regole e adempimenti talmente onerosi da far pensare ad un tentativo mascherato di bloccare sul nascere la diffusione di coltivazioni transgeniche in Italia mentre per altre associazioni il documento costituisce invece un’inaccettabile via libera agli Ogm.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.