L.STABILITA’ – Pmi: Flammini, ci saremmo aspettati scelte più...

SANATORIA – Slot machine: Cogetech presenta istanza alla Corte...

18 ottobre 2013 Comments (0) News

EDIFICI – Vulnerabilità sismica: annunciata formazione del sistema di classificazione del rischio sismico

Si e tenuto oggi, venerdi 18 ottobre, a Bologna il Convegno Classificare la vulnerabilita sismica dei fabbricati, organizzato dall’Istituto Ingegneria Sismica Italiana (ISI) e da Federcasa. Durante il Convegno, a cui ha partecipato il sottosegretario Rocco Girlanda in rappresentanza del Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, verra annunciata la formazione, con decreto del mnistro Maurizio Lupi del 17 ottobre, di un gruppo di lavoro “per la proposizione di uno o piu documenti normativi per la classificazione del rischio sismico delle costruzioni, finalizzata all’incentivazione fiscale di interventi per la riduzione dello stesso rischio”.

Il gruppo di lavoro e formato dai massimi esperti in materia provenienti dal mondo accademico e dall’amministrazione pubblica. Il sistema di classificazione della vulnerabilita sismica, voluto dal ministro Lupi, rappresenta uno strumento indispensabile per dare attuazione alle norme introdotte con il decreto “ecobonus” (DL 63/2013) e ribadite dalla legge di stabilita.

rocco-girlandaConsentira, infatti, di individuare le modalita di applicazione di incentivi fiscali per interventi di riduzione del rischio sismico, graduati sulla base della tipologia di interventi, della valutazione quantitativa del rischio effettivo e della riduzione di rischio ottenuta con l’intervento. Inoltre, esso permettera di introdurre meccanismi di valorizzazione dell’accoppiamento di tali interventi con quelli finalizzati alla qualificazione energetica degli edifici. “Sappiamo – ha detto Girlanda – che il tema che dobbiamo aggredire e di notevoli proporzioni. Secondo recenti stime sono 7 milioni le costruzioni realizzate prima del 1971, quindi non in linea con la attuale normativa sismica. A questo patrimonio immobiliare, pari al 60% del costruito – ha spiegato -si aggiungono circa 2 milioni di strutture realizzate tra il 1972 e il 1981, circa 1,3 milioni di strutture realizzate tra il 1982 e il 1991 e circa 800 mila edifici tra il 1992 e il 2001, quindi in epoca antecedente alla nuova zonizzazione sismica attuata a partire dal 2003 e alle Norme Tecniche sulle Costruzioni emanate nel 2008. Analoga situazione per quanto riguarda le strutture ad uso produttivo: su 326.000 fabbricati esistenti i due quinti sono realizzati tra il 1971 e il 1990″..

“Ben 95 mila capannoni sono in aree ad alto rischio sismico. Siamo quindi – ha sottolineato il sottosegretario -di fronte ad un patrimonio immobiliare ben superiore ai 10 milioni di edifici che richiederebbe interventi migliorativi sotto il profilo assolutamente prioritario della sicurezza. In seguito ai recenti terremoti il MIT ha poi elaborato ulteriori documenti tecnici, finalizzati al miglioramento delle regole di progettazione ed esecuzione delle strutture attinenti l’edilizia industrializzata (capannoni) proprio per le specifiche ricadute sulla sicurezza degli edifici destinati all’attivita produttiva, in una lettura coerente con la necessita di salvaguardare ed incentivare il tessuto produttivo e quindi la crescita del Paese. Si tratta ora – ha concluso – di dare a queste iniziative tecniche una prospettiva piu generale di riqualificazione del territorio e di rilancio, al tempo stesso, di una filiera produttiva che deve essere sempre di piu orientata alla qualita edilizia ed urbanistica.”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.