PMI – Agenzia per le imprese di Confartigiato: via...

SICUREZZA IT- Kasperksy Lab : soluzione anti-malware che inizia...

18 aprile 2013 Comments (0) News

ECONOMIA – Salone del risparmio: attesi domani 1600 studenti che “interrogheranno” i gestori

Oltre 1600 studenti provenienti da tutta Italia, per un totale di 36 scuole coinvolte, sono attesi domani al Salone del Risparmio che nella sua terza giornata si apre al pubblico dei consumatori e, soprattutto, alle nuove generazioni.

Due grandi novita aspettano i ragazzi in questa edizione: la presenza di una parte dei contenuti interattivi e dei giochi del Museo del Risparmio di Torino, in trasferta esclusiva al Salone, e un format originale per le conferenze loro dedicate dal titolo “Come diventare imprenditori di se stessi e fare buone scelte finanziarie”. Dopo una prima parte di confronto dedicata ai temi del risparmio gestito, della previdenza integrativa e dell’imprenditoria dove interverra Andrea Beltratti, presidente del CdG di Intesa Sanpaolo e neo presidente del Consorzio PattiChiari, per la prima volta saranno proprio i giovani studenti ad “interrogare” i gestori di Aberdeen, Anima, Bnp Paribas, Eurizon, Invesco, Pioneer e Ubi Pramerica.

In un gioco di scambio dei ruoli, infatti, i ragazzi si trasformeranno in professori e i gestori, seduti ai banchi, dovranno prepararsi a rispondere alle domande su risparmio gestito, economia e finanza. Rinnovato anche per questa edizione l’appuntamento con il concorso fotografico ‘Scatta il Risparmio’ dal titolo ‘Tra 20 anni come immagino la mia vita? Risparmiando a partire da oggi cosa potro realizzare nel mio futuro?’ dove gli studenti sono chiamati a trasformare in immagini il loro rapporto col denaro oggi e in un’ottica futura.

Il Salone del Risparmio sara quindi un’occasione importante per gli studenti e i loro insegnanti non solo per conoscere piu da vicino il ruolo che il risparmio gestito assume nella vita di tutti i giorni, ma anche per relazionarsi con le diverse realta che gravitano intorno all’evento: economisti, istituzioni, giornalisti e operatori del settore.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.