FORMAZIONE – Corso per amministratori locali

EXPORT – Istat: preoccupanti segnali di stop

15 ottobre 2009 Comments (0) News

DOSSIER – Decreto Ronchi: dalle ferrovie al Made in Italy

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.223 del 25 settembre 2009

Dalle ferrovie alla gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, dall’etichettatura dei prodotti alimentari ai controlli in materia di sicurezza alimentare, dal Numero di emergenza unico europeo ai sistemi di misura installati nelle reti di trasporto del gas, fino alle norme sul Made In Italy. Queste alcune delle materie – estremamente eterogenee tra loro – trattate dal cosiddetto Decreto Ronchi in vigore dal 26 settembre scorso.
Il decreto legge 25 settembre 2009, n. 235, “Disposizioni urgenti per l’attuazione di obblighi comunitari e per l’esecuzione di sentenze della Corte di giustizia delle Comunita europee”, approvato dal Consiglio dei Ministri il 18 settembre 2009, e stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.223 del 25 settembre 2009.
Il provvedimento risponde alla necessita di adempiere ad obblighi comunitari gia giunti in scadenza per il ritardo o il non corretto recepimento della normativa comunitaria nell’ordinamento italiano. Si tratta di situazioni eterogenee nei contenuti ma accomunate dalla identica necessita di garantire l’assolvimento degli impegni dell’Italia.
Cosa contiene il provvedimento:
Veicoli fuori uso (art.1)
Agenzia nazionale sicurezza ferrovie (art.2)
Esclusione automatica imprese collegate da gare pubbliche (art. 3)
Autorita competente per l’emission trading alle compagnie aeree (art. 4)
Gestione e smaltimento rifiuti elettrici ed elettronici (art. 5)
Etichettatura prodotti alimentari (art. 6)
Contatori gas (art. 7)
Numero unico europeo (art. 8)
Aggiunta del ministero della difesa nel pacchetto igiene (art.9)
Rappresentante fiscale assicurazioni (art. 10)
Applicazione IVA (art. 11)
SSIQ (art.12)
Tassazione discriminatoria in materia di oli lubrificanti rigenerati (art. 13)
Tassazione fondi (art. 14)
Servizi pubblici locali di rilevanza economica (art. 15)
Made in Italy (art. 16)
Censimento agricoltura (art. 17)
Quote latte (art. 18)
Recupero aiuti non dovuti (art. 19)
Farmacie comunali (art. 20)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.