LAVORO – Bip: come creare occupazione con la crisi?

TURISMO: Scajola: 63 mln di investimenti in Campania

23 settembre 2009 Comments (0) Dalla home page

DISTRETTI – Tessile Prato: export -17,5%

L’export pratese nel primo semestre 2009 registra una contrazione del -17,5%

Le esportazioni delle industrie tessili e dell’abbigliamento rappresentano l’85% dell’export totale della Provincia di Prato, ma l’andamento complessivo del settore va scomposto nelle tendenze divergenti del tessile (filati e tessuti) e del mondo della confezione (capi in maglia, tessuto e accessori per l’abbigliamento). Nel secondo trimestre 2009 le vendite provinciali di abbigliamento e maglieria sono aumentate del 10,7% rispetto allo stesso periodo del 2008, mentre nel distretto pratese (province di Prato, Firenze e Pistoia) quelle di prodotti tessili sono diminuite del 23,7%.
L’area studi dell’Unione industriale pratese ha elaborato i dati Istat relativi all’export del 1* semestre 2009 della provincia di Prato scomponendoli all’interno delle differenti merceologie di prodotti tessili ed evidenziando che si e registrato un andamento meno negativo per i filati per maglieria (-5,9% il risultato trimestrale del distretto) rispetto a quello delle vendite all’estero di tessuti ortogonali (-27,3%) e di altri prodotti tessili (-23,2%).
La meccanica subisce una pesante contrazione (-41,1% l’export gennaio-giugno 2009 rispetto allo stesso periodo del 2008) in linea con la riduzione delle vendite subita a livello nazionale da tutti i beni di investimento. L’export degli altri settori manifatturieri, che tutti insieme rappresentano il 12% del totale delle esportazioni della Provincia, e stato positivo soltanto in nicchie al momento ancora poco decisive per l’economia locale.
”Rispetto ai risultati catastrofici del primo semestre 2009 – ha commentato Raffaella Pinori, vicepresidente dell’Unione Industriale Pratese – a partire dalla fine di luglio e anche nel clima delle fiere che si sono tenute in questi giorni, sembra che l’umore a Prato sia un po migliorato: le imprese ricominciano a sperare che l’inversione di tendenza non sia lontana. Prato e in grande difficolta, ma e tuttora una realta manifatturiera eccellente che rappresenta il 18% dell’export tessile nazionale, che sta ristrutturando, che investe a livello di singole imprese e che ha messo in campo la concertazione di tutte le forze economiche e istituzionali della citta per trasformare i problemi in opportunita per la crescita”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.