GOVERNO-Cdm: ratificato l’accordo di Parigi sul clima, direttive Ue,...

SOSTENIBILITA’-Natura: Lipu, con l’Eurobirdwatch (1-2 ottobre) 6 milioni di...

5 ottobre 2016 Comments Off on DIGITALE-Lavoro, scuola, investimenti: tutto quello che c’è da sapere sul piano Industria 4.0 Approfondimenti

DIGITALE-Lavoro, scuola, investimenti: tutto quello che c’è da sapere sul piano Industria 4.0

Il Governo lo ha annunciato il 21 settembre mobilitando risorse per 13 miliardi che dovrebbero muoverne 50 tra investimenti pubblici e privati. Durerà dal 2017 al 2020. Un tempo che servirà a gettare le basi per portare l’Italia nell’era della nuova manifattura digitale. Qui potete leggere in una rapida panoramica di cosa si tratta, se lo avete perso. Si chiama Italia 4.0.

1. COS’È L’INDUSTRIA 4.0 
In queste settimane abbiamo cercato di analizzare tutti gli aspetti che riguardano il piano. A cominciare dalla definizione stessa di Industria 4.0, come potete leggere qui in una sintesi di 20 cose da sapere.
Per alcuni è la quarta rivoluzione industriale, dopo quella del carbone, della produzione di massa e dell’automazione della produzione. Nel XXI secolo tocca al digitale. Chiariamo, in Italia ci sono già aziende che usano i dati, la loro analisi per monitorare e migliorare la produzione, robot e stampa 3D. Ma mancava unapolitica industriale specifica. Finora.

2. LE MISURE PREVISTE PER LE STARTUP
Nel piano ci sono delle misure che riguardano sia aziende strutturate che startup.Sono 6 le misure previste. Come quella sul credito d’imposta (qui avevamo già spiegato cos’è e perché è utile) che sarà raddoppiato dal 25 al 50%.
Ci saranno meno tasse per le rendite finanziarie derivate da investimenti in startup e finanziamenti per acceleratori che lanceranno programmi specifici. Nel piano c’è anche un accenno ad un fondo di venture per startup industria 4.0 (qui spieghiamo cosa sono). Dovrebbe essere di 270 milioni con un modello simile a quello di Invitalia Ventures. Ma ad oggi non si sa molto di più.

3. SCUOLA E UNIVERSITÀ
Non c’è crescita e futuro senza formazione. E non c’è formazione se non c’è scuola e università. Ma quali sono gli istituti che saranno coinvolti nel piano?
Lo abbiamo spiegato qui, facendo una panoramica dei progetti stanziati che vanno dai banchi degli istituti tecnici fino ai poli d’eccellenza universitari coinvolti. Se l’Italia riuscirà a ripensare la sua manifattura in chiave digitale, è qui che si dovranno costruire le basi.

4. LAVORO E NUOVE PROFESSIONI
Ultimo anello della catena, ma quello forse più importante. Ci saranno nuove professioni, alcune non sono nemmeno contemplate da Wikipedia. Ma saranno queste figure a essere coinvolte maggiormente dalla manifattura digitale. Le abbiamo elencate qui, chiedendo un commento al capo di LinkedIN Italia Marcello Albergoni. I robot ci ruberanno il lavoro. E un po’ crediamo anche noi che sia meglio così. Intanto Adidas ha prodotto la prima scarpa fatta interamente da robot, la potete vedere qui.

5. Il PEZZO MANCANTE
Lo ha detto senza giri di parole Stefano Menichinelli su Chefuturo.it. «Bene il piano del Governo per la rivoluzione di Industria 4.0. Però c’è chi ha fatto da apripista con stampanti 3D, manifattura digitale, laser. E forse meritava un cenno». Difficile dargli torto.
a cura di

Arcangelo Rociola
Redazione Startupitalia.eu
Twitter: @arcamasilum

Comments are closed.