CRISI-E-food: Tacatì, 6 mosse per combatterla

MADE IN ITALY-Quercetti: i chiodini a G! Come Giocare

19 novembre 2013 Comments (0) Dalla home page

DIETA MEDITERRANEA-Forum Imperia: verso l’Expo 2015

Quella che ci aspetta nel 2015 e una occasione da non perdere, per tutti i Paesi che condividono lo stile di vita della Dieta Mediterranea: l’Expo si avvicina e il Forum di Imperia si chiude con grandi progetti e tanta voglia di diffondere nel mondo il messaggio culturale che la Dieta Mediterranea porta con se. Cosi il presidente di RecoMed. Enrico Lupi ha aperto l’ultima sessione di lavori della terza edizione del simposio, da cui sono partiti importanti messaggi, uno su tutti quello di”puntare sui giovani ? – ha continuato Lupi – sul loro entusiasmo e la riscoperta di mestieri del cibo ma anche di un modo salutare di vivere basato su alimenti che prediligano la stagionalita e la territorialita”.

“Un coinvolgimento possibile, in particolare con progetti di food education gia a partire dalle scuole, dove si impara a conoscere piu da vicino e a scegliere quello che mangiamo. Occorre – ha spiegato Lupi – acculturare i consumatori e gli opinion leader perche solo con la cultura possiamo raggiungere i nostri obiettivi. In questi giorni all’interno del Forum abbiamo ospitato il MedDiet Meeting, uno dei cinque grandi eventi del progetto strategico Dieta Mediterranea e valorizzazione dei prodotti tradizionali – MedDiet finanziato dall’Unione europea nell’ambito del Programma Enpi Cbc Bacino del Mediterraneo 2007-2013, del quale l’Associazione nazionale Citta dell’Olio e partner. Abbiamo fatto il punto sullo stato di avanzamento del progetto e messo a confronto le esperienze di Grecia, Spagna e Tunisia che stanno lavorando con noi e insieme agli altri Paesi del Mediterraneo partner del progetto con il solo obiettivo comune di valorizzare la Dieta Mediterranea attraverso le tradizioni gastronomiche di ciascuno dei Paesi coinvolti. Una opportunita per superare campanilismi e pensare di lavorare tutti insieme per la valorizzazione della Dieta Mediterranea a favore dei consumatori e delle imprese”.

Gettare una solida base su cui costruire il futuro e quindi l’obiettivo prioritario per il Forum, soprattutto in vista dell’Expo 2015 dove l’Italia soprattutto ma anche gli altri Paesi devono giocarsi bene le carte per ottenere visibilita e attenzione dal punto di vista agroalimentare e ambientale. Concetto condiviso e su cui ha insistito anche Pierluigi Petrillo, consigliere per le politiche Unesco del Ministero delle Politiche agricole -Creare piu consenso possibile attorno alla Dieta Mediterranea e essenziale ? – ha spiegato – la fortuna di poter contare sulla Rete delle Citta dell’Olio del Mediterraneo e gia un buon punto di partenza per instaurare un dibattito costruttivo attorno alla cultura della Dieta Mediterranea e al coinvolgimento in tutto questo della componente paesaggistica, a cui l’Unesco, con il riconoscimento a Patrimonio dell’Umanita, ha attribuito un ruolo fondamentale per costruire uno sviluppo sostenibile. La nascita del progetto Forum tre anni fa ? – ha aggiunto Petrillo – faceva gia percepire una visione lungimirante che andasse oltre l’evento in se e il fatto che oggi siamo a parlare di come unire gli intenti per partecipare da protagonisti all’Expo 2015 significa che chi ha progettato l’evento oggi e diventato un punto di riferimento per la valorizzazione della dimensione culturale, ma non solo, della Dieta Mediterranea. E’ necessario che i Paesi che hanno caratteristiche comuni per la Dieta Mediterranea creino un’alleanza per arrivare al prossimo appuntamento con una proposta condivisa in vista dell’Expo”.

A concludere i lavori il presidente di Unioncamere Ferruccio Dardanello, che ha sottolineato come “e a tavola che si costruiscono le storie del mondo, ed e da tavola che parte la crescita complessiva del pianeta stesso nell’accezione piu ampia della funzione del cibo. Il progetto del Forum puo dare in questo senso un contributo importante e cosi anche l’Associazione delle Camere di Commercio ed Industria del Mediterraneo: possono diventare una grande opportunita di crescita non solo culturale ma anche di apprendimento di questo stile di vita come strumento di valorizzazione complessiva di uomini e territori. Olioliva, che si tiene in questi giorni a Imperia, e la testimonianza di come sull’olio si sia costruito il passato e di quanto importante sia questo alimento per il nostro futuro”.

E’ proseguito dunque con Olioliva, il fine settimana imperiese dedicato alla Dieta Mediterranea, ma tra gli eventi che hanno caratterizzato l’ultima giornata di lavori del Forum ? e sempre in tema di luoghi e mestieri del cibo – anche il lancio di Onaoil, ovvero l’Universita della conoscenza dell’olio di Onaoo che punta allo sviluppo di un nuovo metodo di utilizzo tecnico e professionale dell’olio extravergine di oliva nella preparazione di ricette in cucina.

(Nella foto da sinistra: Lupi, Petrillo e Dardanello)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.