EQUITY CROWDFUNDUNG-CrowdFundMe: primo portale OPT-IN

ROADSHOW ICE-L’internazionalizzazione delle aziende marchigiane: dalla viva voce dei...

20 maggio 2016 Comments Off on CROWDFUNDING-Startup Sherlock: partita oggi la raccolta fondi su Indiegogo per produrre l’antifurto per la bici Dalla home page

CROWDFUNDING-Startup Sherlock: partita oggi la raccolta fondi su Indiegogo per produrre l’antifurto per la bici

E’ partita oggi, venerdì 20 maggio la  raccolta fondi su Indiegogo – piattaforma di crowdfunding che aiuta le startup a raccogliere fondi da finanziatori privati di tutto il mondo –  della start-up Sherlock  dell’Incubatore di Imprese Innovative del Politecnico di Torino che ha realizzato un dispositivo antifurto Gps, collegato a un’app per smartphone, che consente ai ciclisti di localizzare la loro bicicletta con precisione.

n vero e proprio antifurto, peraltro, pratico e maneggevole. Sì, perché Sherlock è davvero facile da usare: basta inserirlo all’interno del manubrio, al quale si adatta talmente bene che è praticamente impossibile individuarne la presenza epuò essere ricaricato tranquillamente attraverso la porta USB.

Un vero e proprio antifurto, peraltro, pratico e maneggevole: Sherlock è davvero facile da usare: basta inserirlo all’interno del manubrio, al quale si adatta talmente bene che è praticamente impossibile individuarne la presenza e può essere ricaricato tranquillamente attraverso la porta USB.

Il dispositivo Sherlock  è inserito all’interno della struttura della bici ed è progettato per essere installato in modo semplice.

E’ dotato di un GPS per la localizzazione in tempo reale della bicicletta, e se questa viene  rubata, il dispositivo è in grado di inviare immediatamente una notifica sullo smartphone del ciclista che in questo modo può tracciarne subito la posizione.

Un’idea semplice ma davvero “geniale” che da oggi viene sottoposta all’attenzione di possibili investitori che per 30 giorni, potranno partecipare attivamente, sostenendo il progetto con un contributo e diventare così cofinanziatori di Sherlock.

In 30 giorni dovranno essere raggiunti e superati gli € 80.000, quota necessaria per ultimare il prodotto, stampare nuovi prototipi, condurre i test su strada e organizzare la linea di produzione per i primi dispositivi. Da sottolineare che  Il team di Sherlock ha optato per una campagna “all or nothing”: un atto di fiducia nei confronti dei suoi sostenitori, in quanto la startup potrà accedere ai contributi solo in caso di raggiungimento dell’obiettivo, altrimenti le somme verranno restituite.

Dietro Sherlock, c’è un team composto da sei membri,  cresciuto presso l’incubatore I3P del Politecnico di Torino: Pierluigi Freni, Matteo Stoppa, Marzia Testa, Nathalie Biolcati, Francesca Manna e Stefano Martinallo

Dietro Sherlock, c’è un team composto da sei membri, cresciuto presso l’incubatore I3P del Politecnico di Torino: Pierluigi Freni, Matteo Stoppa, Marzia Testa, Nathalie Biolcati, Francesca Manna e Stefano Martinallo

In sintesi, il piccolo antifurto Sherlock è un innovativo prodotto made in Italy che con questa campagna di crowdfunding si sottopone al giudizio dei possibili investitori. Curiosi, sostenitori, primi acquirenti, addetti del settore, avranno tempo fino a metà giugno per contribuire alla raccolta fondi di Sherlock con una libera donazione o scegliendo una ricompensa.

 

 

 

 

 

 

Comments are closed.