INFRASTRUTTURE – Sud: individuate priorità con accelerazione su reti...

LAVORO – Salute: il segreto è la flessibilità dell’orario

12 dicembre 2011 Comments (0) News

CRISI – Pmi: la sopravvivenza passa attraverso le fusioni e l’aumento di dimensione

Le imprese per sopravvivere alla crisi si uniscono in rete sfruttando agevolazioni e la condivisione di know-how oltre che di capitali, trasformano la difficolta del momento in una grande opportunita da sfruttare per crescere: infatti, i vantaggi derivanti dalle fusioni sono numerosi a partire dalla maggior forza nel mercato.Sono numerose le aziende italiane che durante l’anno hanno fatto fronte ad acquisizioni. Da entrambe le parti si sono registrati vantaggi, sia per gli acquirenti che per “chi si e fatto comprare”.

Sono in particolare i settori della Meccanica, del packaging, della domotica, dell’information technology, della logistica, della comunicazione e del software ad aver visto un incremento di tali pratiche, ma con essi anche gli studi professionali. In queste ultime settimane dell’anno le azioni di compravendita si sono moltiplicate, fino a raggiungere 20 operazioni in pochi giorni. Le imprese rilevate sono perlopiu estere, al fine di estendere il business in nuovi mercati, altre aziende sono rimaste “in casa”, acquisendo competitor o aziende complementari in modo tale da poter estendere la varieta dell’offerta.

Tra le piu appetibili vi sono le imprese piccole e altamente innovative, che possono apportare prezioso know-how ad elevata specializzazione. Le grandi aziende spesso possono trarre enormi vantaggi dalle piccole realta come le giovani start-up potenziando le conoscenze tecniche che potrebbero essere carenti all’interno dell’azienda acquirente. Cio che spinge pero i responsabili d’azienda ad investire in acquisizioni e fusioni e la necessita di rimanere competitivi aumentando la dimensione aziendale. Cio accade su scale molto grandi, dove “big player” con budget elevati riescono a fare man bassa di piccole imprese locali, ma accade sempre piu anche a livello territoriale con aziende di dimensioni importanti ma non cosi elevate. La pratica delle fusioni sembra essere l’unico appiglio per rimanere in vita e poter giocare d’anticipo in previsione della fine della recessione e d’altro canto una possibilita di “rendita” per le imprese neo nate che cercano investitori.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.