IMPRESE – Unioncamere: gli 8 nuovi vicepresidenti al fianco...

CRISI – Economia: Gei, ci sarà ripresa nelle seconda...

6 luglio 2012 Comments (0) News

CRISI – Imprese: crescono in Italia quelle etniche, + 49% in 7 anni

Le imprese che crescono a dispetto della crisi sono quelle “etniche”. Le aziende straniere in Italia, infatti, non solo aumentano, ma resistono meglio di quelle italiane al difficile momento economico, accelerando il processo di integrazione sociale, culturale ed economica. E’ emerso da un’indagine della Cna (Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa), presentata Roma in un convegno dal tema L’impresa etnica nel periodo della crisi.

Secondo la Cna, tra il 2005 e il 2011, mentre l’imprenditoria italiana diminuisce del 9,3%, quella straniera e cresciuta del 48,7%: cosi il peso dell’imprenditoria straniera e salito dal 5,7% al 9,1%. Nel 2011 – rileva la Cna – i titolari e i soci di impresa straniera sono 440.145; di questi il 56,7% sono titolari d’impresa e l’86,1% risiede nell’Italia Centro-settentrionale. Solo la Lombardia ne ospita il 22,6%. La Toscana e la regione con il piu alto tasso di imprenditorialita straniera (7,2 titolari immigrati sul totale delle imprese registrate); la Basilicata presenta invece il piu basso tasso di imprenditorialita immigrata (0,5%).

La Cna osserva anche come l’imprenditoria straniera in Italia sia riferita a pochi Paesi d’origine: il 56,3% dei titolari di impresa proviene infatti da soli quattro Paesi: Marocco (16,5%), Romania (15,1%), Cina (14,6%) e Albania (10,0%). I settori di attivita sono prevalentemente le costruzioni e il commercio. In questo contesto – conclude la Cna che al suo interno conta oltre 12mila imprese straniere (il 5% del totale) – “le associazioni imprenditoriali possono e devono svolgere un ruolo fondamentale per favorire lo sviluppo di queste nuove realta”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.