LAVORO-Laureati: sempre di più scelgono l’estero

CRISI-Anziani: sempre più non arrivano a fine mese

25 giugno 2012 Comments (0) Dalla home page

CRISI-Debito pubblico: 93% in capo allo Stato centrale

Secondo un’analisi della Cgia di Mestre i Governi Berlusconi e Monti hanno imposto per l’anno in corso manovre correttive pari a 48,9 miliardi: 40,2 di nuove entrate e 8,7 di tagli alla spesa. Se sul totale delle nuove entrate previste l’84,4% finira nelle casse dell’Erario, in materia di tagli, invece, la situazione si “ribaltera” completamente.

All’Amministrazione centrale sara richiesta una riduzione netta della spesa pari al 20,1% del totale, mentre agli altri livelli di governo spetteranno i sacrifici maggiori. Gli enti locali infatti subiranno un taglio pari al 51,4% del totale della spesa prevista e gli enti previdenziali il rimanente 28,6%.

“Se l’enorme gettito fiscale aggiuntivo imposto dagli ultimi due Esecutivi finira quasi tutto nelle casse dell’Erario – dichiara Giuseppe Bortolussi segretario della CGIA – i tagli alla spesa saranno pero in capo quasi esclusivamente agli Enti previdenziali e agli Enti locali. Se i primi raggiungeranno l’obbiettivo grazie alla riforma previdenziale attuata dal Governo Monti, i secondi, vista la difficile situazione di bilancio, dovranno, molto probabilmente, ritoccare all’insu le tasse locali, con un evidente appesantimento fiscale in capo ai contribuenti italiani. Insomma – conclude Bortolussi – comprovato che la messa in sicurezza dei nostri conti pubblici avverra agendo quasi esclusivamente sulla leva fiscale erariale, i pochi tagli previsti ricadranno quasi tutti sulle spalle degli Enti locali e di quelli previdenziali. Con buona pace di chi attende l’arrivo del tanto agognato federalismo fiscale”.

L’analisi della Cgia di Mestre e proseguita analizzando alcuni dati sulla ripartizione del debito pubblico italiano per livello di governo. Lo stock di debito pubblico (al 30 aprile 2012) e di 1.948 miliardi di euro: tuttavia, solo il 2,6% e imputabile alle Amministrazioni comunali (50,5 miliardi di euro). Nel complesso, le Amministrazioni locali (Regioni, Province, Comuni) sono “responsabili” di appena il 5,7% del debito pubblico, mentre il 94,3% e in capo alle Amministrazioni centrali. Un dato, quest’ultimo, che non ci deve sorprendere piu di tanto visto che spetta all’Amministrazione centrale emettere titoli pubblici che inevitabilmente finiscono per aumentare il volume del debito pubblico.

L’impegno richiesto nel 2012 a ciascun livello di Governo dalle manovre correttive realizzate nel 2011

Aumento netto
delle entrate

Riduzione netta
delle spese

milioni euro

comp. %

milioni euro

comp. %

Amm. Centrali

33.984

84,4

1.741

20,1

Amm. Locali

4.717

11,7

4.450

51,4

Enti di previdenza

1.549

3,8

2.474

28,6

Totale

40.250

100,0

8.664

100,0

Elaborazioni Ufficio Studi Cgia Mestre su dati Ragioneria generale dello Stato

Le manovre correttive realizzate nel 2011 (milioni di euro)

Manovra di luglio (Dl 98/2011)

5.578

Manovra di ferragosto (Dl 138/2011)

22.700

Legge di stabilita 2012 (L 183/2011)

391

Decreto Salva Italia (Dl 201/2011)

20.246

Totale manovre varate nel 2011

48.914

Elaborazioni Ufficio Studi Cgia Mestre su dati Ragioneria generale dello Stato

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.