IL CASO – Ghisamestieri illumina la città di Medina

DPEF- Chiesta la Tremonti ter anche per imprese agricole

13 luglio 2009 Comments (0) Dalla home page

CRISI – Consob: incertezza e Pmi a rischio asfissia

Cardia: la crisi finanziaria internazionale puo trasformarsi in un’opportunita

Lo slancio riformatore non deve affievolirsi ai primi segnali di ripresa ma serve una volonta politica forte e condivisa. Lo ha affermato Lamberto Cardia (nella foto), presidente della Consob (Commissione Nazionale per le Societa e la Borsa)  nel suo intervento all’incontro annuale della Commissione con il mercato a Piazza Affari a Milano. “Gran parte delle imprese medio-piccole, trama fondamentale del tessuto imprenditoriale italiano – ha sottolineato Cardia – trova difficolta e potrebbe correre rischi di asfissia finanziaria. Si sta interrompendo un processo di ristrutturazione aziendale che negli scorsi anni aveva iniziato a produrre risultati incoraggianti in termini di produttivita e competitivita internazionale”. Parlando delle difficile situazione in cui versano le imprese italiane, il presidente della Consob  ha detto che “solo le imprese di piu grande dimensioni riescono a reperire sul mercato capitale proprio e a collocare prestiti obbligazionari senza gravi difficolta ne a costi da considerare eccessivi”.
Sul pacchetto anti-crisi, varato da Palazzo Chigi, Cardia ha sottolineato che “gli interventi del Governo a garanzia di depositanti e a sostegno della raccolta bancaria hanno svolto un ruolo importante nell’evitare il pericolo di esasperazione degli effetti della crisi nel momento piu acuto, prevenendo ingiustificate ondate di panico che hanno indotto i Governi di altri paesi ad assumere determinazioni in altri periodi nemmeno immaginabili. Il nostro Paese – ha ricordato – pure se gravato da un debito pubblico che ne condiziona l’agire, ha dimostrato una tenuta di sistema che costituisce motivo di conforto, dando prova di tempestivita negli interventi e di sostanziale stabilita delle sue banche, per altro in alcuni casi protagoniste di tormentate vicende negli ultimi anni”.
Inoltre, Cardia ha annunciato che entro il 31 luglio la Consob si pronuncera sulla disciplina delle vendite allo scoperto perche bisogna “definire una strategia regolamentare stabile e coordinata a livello internazionale sulle vendite allo scoperto, con l’obiettivo di salvaguardare l’integrita dei mercati senza compromettere la liquidita e l’efficienza”. Le vendite allo scoperto, quindi, non vanno demonizzate perche svolgono comunque un ruolo importante in termini di efficienza dei mercati, ma esiste un problema di trasparenza per questo genere di operazioni”. Il presidente della Commissione ha poi spiegato che “lo scorso giugno sono stati avviati accertamenti ispettivi nei confronti di cinque grandi gruppi bancari, finalizzati alla verifica delle concrete modalita di attuazione dei principi di correttezza comportamentale verso la clientela”. Una strategia regolamentare e non solo italiana. “La Consob – ha spiegato ancora Cardia – e consapevole della necessita di definire una strategia regolamentare stabile e coordinata a livello internazionale sulle vendite allo scoperto e, piu in generale, sul fenomeno delle posizioni corte sui titoli, con l’obiettivo di salvaguardare l’integrita dei mercati senza compromettere la liquidita e l’efficienza dei meccanismi di formazione dei prezzi”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.