RIFIUTI – Martini chiede a Governo verifica nave dei...

IL CASO – Pmi: Is Bologna ovvero come...

25 settembre 2009 Comments (0) News

CRISI – Cna: a Roma e provincia, meglio le microimprese

Diminuiti gli investimenti, rimandati al dopo-crisi

Secondo i dati dell’ Indagine congiunturale sulle piccole imprese di Roma dentro la crisi (consuntivo I semestre 2009- aspettative II semestre 2009), realizzata dalla Cna di Roma (elaborazione dati dell’Istituto Tagliacarne), anche nella provincia di Roma, come nel resto d’Italia, le aziende artigiane hanno mostrato maggiori difficolta rispetto all’insieme delle imprese, subendo, tuttavia, una contrazione (-0,87%) leggermente inferiore a quella registrata a livello nazionale. La ricerca, infatti, utilizzando come indicatore sintetico dell’andamento dei principali indicatori aziendali (ordini, produzione, fatturato, investimenti, occupazione) il saldo fra risposte di incremento e di riduzione, ha riscontrato una netta riduzione della domanda per le piccole imprese romane, con il saldo per gli ordini che e sceso del -8,5%.
Riduzione della domanda che ha avuto effetti sui livelli di attivita aziendale (il saldo per la produzione e del -9,8%) e, in misura particolarmente accentuata, sulla redditivita aziendale (-20% il saldo per il fatturato) e sui livelli di occupazione (-13,6%). La tendenza alla riduzione si e, invece, manifestata in misura piu attenuata per quanto riguarda gli investimenti (-2,7%), anche se nel primo semestre dell’anno un’alta quota di piccole imprese li ha ‘sospesi’ o ‘rimandati’ (il 39% di esse non ha effettuato alcun tipo di investimento).
E all’interno delle piccole imprese di Roma e provincia si riscontrano effetti diversificati. Nei primi sei mesi di quest’anno, infatti, la recessione ha toccato in misura piu intensa le imprese piu strutturate (che superano i 9 addetti) che hanno mostrato, per tutti gli indicatori, con la sola eccezione dell’occupazione, saldi fra casi di aumento e di riduzione decisamente peggiori delle imprese di dimensioni micro (sotto i 9 addetti): -18,8% per la produzione (rispetto al -7,4% delle ‘micro’ imprese), -28,1% per gli ordini (rispetto al -3% delle piu’ piccole), -34,4% per il fatturato (rispetto al -16%).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.