CRISI-Debito pubblico: 93% in capo allo Stato centrale

TERREMOTO-Solidarietà: da Modena foto d’arte all’asta

25 giugno 2012 Comments (0) Dalla home page

CRISI-Anziani: sempre più non arrivano a fine mese

Dall’indagine Adiconsum e Movimento Difesa del Cittadino, e emerso che soltanto un terzo tra gli anziani dichiara di sapere cosa sia il credito al consumo e di conoscere i vari tipi di strumenti finanziari per la gestione del bilancio familiare.

La situazione di crescente difficolta economica, che sta coinvolgendo sempre piu larghi strati della popolazione, comporta inevitabilmente una crescita del sovraindebitamento, soprattutto tra gli anziani. L’indagine “Anziani e poverta” che chiude l’iniziativa “Linea Terza Eta – Insieme contro la Poverta” promossa da Movimento Difesa del Cittadino e Adiconsum, con il finanziamento del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali, rileva innanzitutto una diffusa situazione di incertezza economica tra la popolazione anziana, che vive spesso in condizioni di marginalita e di disagio.

Piu della meta degli intervistati denuncia di non avere risorse sufficienti a far fronte a tutte le proprie necessita, uno su tre di aver dovuto attingere ai propri risparmi, uno su dieci ha dovuto chiedere un prestito. Solo il 53,91% conosce la differenza tra “indebitamento” e “sovraindebitamento”, conoscenza che diminuisce all’aumentare dell’eta anagrafica, mentre la percentuale che legge il materiale informativo e le clausole prima di sottoscrivere un contratto di finanziamento e del 57,31%. Cio favorisce il verificarsi di quelle “brutte sorprese” che molti dichiarano di aver avuto dopo la stipula di un contratto, lamentando anche con una certa frequenza di essere stati fuorviati dai consigli e le informazioni di un agente o mediatore finanziario.

Dai risultati della ricerca si denota inoltre anche un’insufficiente attitudine alla gestione del bilancio familiare considerando che meno della meta degli intervistati programma le proprie entrate ed uscite, affidandosi piuttosto ad una generalizzata prudenza ed alla parsimonia nelle spese quotidiane.

“Questo progetto – ha dichiarato Antonio Longo, presidente del Movimento Difesa del Cittadino (MDC) – assume una certa importanza in un momento di difficolta del nostro Paese e i nostri sportelli di assistenza, collocati presso le varie sedi territoriali, hanno evidenziato proprio questa situazione di disagio. Riteniamo che le Associazioni dei consumatori debbano farsi carico anche di questo ed essere coinvolte in progetti come “Linea Terza Eta” rappresenta una cosa importante anche per noi”.

“Il periodo di recessione che stiamo attraversando – ha ribadito Pietro Giordano, segretario generale Adiconsum – colpisce soprattutto le fasce piu deboli del Paese, e in particolare, i pensionati con redditi che vanno da 500 euro a 1.000 euro. Il progetto, che si e sviluppato anche con le nostri sedi locali, vuole dare un aiuto concreto a queste fasce di consumatori che fanno fatica ad arrivare alla fine del mese”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.