IMPRESE – Turismo: Bocca, lieve ripresa ma meno...

LAVORO – Sirti: a Benevento si protesta a 50...

15 marzo 2010 Comments (0) News

CONSUMATORI – Adiconsum: far modificare e migliorare la class atcion

Grazie all’Unione europea e all’azione delle Associazioni, i consumatori italiani hanno acquisito in questi anni significativi diritti sul consumo – ha dichiarato Paolo Landi, segretario generale Adiconsum – come la possibilita di recedere da un contratto firmato in tutta fretta per strada o acquistando un prodotto a distanza (via tv o via internet), o al risarcimento diretto in caso di incidente stradale, o ai contratti piu trasparenti per l’apertura e la gestione dei conti correnti o in caso di richiesta di finanziamenti per gli acquisti del credito al consumo e ancora alla rinegoziazione dei mutui, o nel caso di famiglie in particolari condizioni di disagio (per perdita del posto di lavoro o la cassa integrazione o per la presenza di un disabile in casa), alla possibilita di sospendere il pagamento delle rate del mutuo per 12 mesi oppure al bonus per l’elettricita e il gas.

”La crisi – ha affermato Landi – accentuera l‘esigenza di una maggiore tutela del consumatore, sia nel far rispettare i diritti gia previsti dalle normative sia per il rischio di un aumento delle pratiche commerciali scorrette nonche di prodotti a rischio (finanziari e non) dovuti alla globalizzazione del mercato. In questo caso, la class action rappresenta senz’altro uno strumento di estrema efficacia per la tutela degli interessi collettivi dei consumatori, perche prevede che il consumatore venga risarcito del danno subito. Purtroppo il testo approvato in Italia va migliorato e questo sara il primo impegno di Adiconsum. Per il futuro nel calendario di Adiconsum, il contrasto alle pratiche commerciali scorrette con puntuali denunce all’Antitrust, far modificare le norme vessatorie adottate da Trenitalia sulla decadenza del biglietto e ai ritardi nei pagamenti del bonus e piu qualita nel trasporto pendolari. Inoltre, sensibilizzare i consumatori sul rischio sovraindebitamento dovuto al credito al consumo e sui rischi dovuti al furto d’identita”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.