MADE IN ITALY-Robotica: in libreria Spaghetti Robot di Riccardo...

GOVERNO-Sostegno ai giovani talenti: al via le domande fino...

27 luglio 2015 Comments Off on COMMUNITY-Table Babel: in cerca di finanziatori verso la startup Dalla home page

COMMUNITY-Table Babel: in cerca di finanziatori verso la startup

Cene in lingua straniera per conoscere persone e imparare una lingua straniera. Le organizza Table Babel, la piattaforma di international social dining. E’ nata a luglio 2014 da un gruppo di giovani collaboratori con la passione per i viaggi, le lingue straniere e la cucina. L’ idea è stata quella di creare una piattaforma in cui chiunque possa organizzare e condividere il proprio evento culinario (pranzo, cena, brunch, aperitivo etc.) in una lingua straniera. In casa propria o in un locale pubblico. Agli eventi creati liberamente dai membri della piattaforma si aggiungono gli eventi ufficiali Table Babel organizzati dal team di ambassadors nelle differenti città d’Italia e quindi coordinati direttamente da noi in partnership con i locali che ci ospitano.

Il team è composto da Helena Geraci, 29 anni, di Catania. Ceo. Andrea Bonanno, 29 anni, catanese. Sviluppatore e responsabile IT. Martina Ricci Gori, 28 anni, di Milano. Business Development & Account. Sarah Geraci, 27 anni, catanese di istanza a Londra. Online Marketing & Social Media.

“Table Babel – raccontano i promotori – è nata dall’idea di permettere a chiunque di praticare le lingue in modo informale e divertente in momenti di condivisione sociale legati al cibo e la buona tavola, fuori dai ‘banchi di scuola’. Vogliamo avvicinare le persone di diverse nazionalità e culture alla pratica delle lingue straniere grazie al cibo, e quale momento migliore per mettere in pratica le proprie conoscenze linguistiche se non davanti a un buon bicchiere di vino e delle buone pietanze? E’ una vera e propria community gratuita in cui tutti gli utenti possono creare i propri eventi culinari in una lingua straniera, ogni evento in una specifica lingua che verrà parlata da tutti partecipanti durante la serata. La particolarità risiede proprio nell’unicità linguistica di ogni singolo evento, tematizzato culturalmente per permettere a tutti, anche solo per una sera, di immergersi completamente in una differente realtà linguistica e viaggiare stando fermi”.

Da associazione Table Babel vuole diventare una startup, “perché – spiegano ancora – vorremmo strutturarci sempre di più sia a livello di organizzazione interna, in merito ai ruoli e alle attività delle singole risorse finora impiegate, sia a livello commerciale attraverso un modello di business sempre più appetibile sul mercato, attraendo nuovi eventuali investitori. Il modello di business si basa sulle partnership commerciali con i ristoranti e locali di varia tipologia che ospitano i nostri eventi in lingua, organizzati interamente da noi, da cui deriva poi il nostro guadagno sui singoli eventi. A ogni evento infatti una percentuale della quota pagante da ogni partecipante va a Table Babel. Il modello di business principale basato sulle partnership con il settore della ristorazione prevede inoltre nuovi business integrabili dati dalla partnership con le aziende, sviluppando attività culinarie in lingue straniere per i dipendenti delle aziende come attività di team building e apprendimento linguistico per il personale delle aziende stesse. Finora abbiamo organizzato in 8 differenti città: Milano, Roma, Genova, Palermo, Catania, Bologna, Firenze, Verona. Presto anche Napoli e Torino, circa una cinquantina di cene ed altri eventi quali aperitivi, brunch, pranzi e degustazioni. La media dei partecipanti varia da città in città, dai 20/30 partecipanti per le cene e apericene a Milano ai quasi 100 per gli aperitivi e le degustazioni a Catania passando per la trentina su Roma e Verona. Cerchiamo investitori dato che tutto quello che è stato fatto fino ad ora è stato completamente autofinanziato. Pensiamo che il nostro business sia molto interessante per un investitore poiché è potenzialmente espandibile e replicabile ovunque, sia in Italia che all’estero”.

(Fonte: http://www.restoalsud.it)

Comments are closed.