PRODUTTIVITA’ – Sindacati: lettera della Cgil a Abi, Ania,...

COMMERCIO – Aperture domenicali: Confcommercio Vicenza, 50mila firme in...

19 novembre 2012 Comments (0) News

ANTICORRUZIONE – Novità: Cassazione boccia legge. E’ambigua e di difficile interpretazione

Varata dal Parlamento a fine ottobre, grazie soprattutto alla spinta dei tanti scandali scoppiati negli ultimi mesi, la nuova legge Anticorruzione e stata bocciata dalla Corte di Cassazione che l’ha definita ambigua in alcuni punti, di difficile interpretazione in altri, in particolare, sulle norme riguardanti la corruzione tra privati. Nei casi in cui, per esempio, vengano pagate tangenti a un dirigente di impresa per essere favoriti in una gara d’appalto. Lo spiega LeggiOggi.it.

“Si procede a querela della persona offesa, salvo che dal fatto derivi una distorsione della concorrenza nell’acquisizione di beni e servizi”. Lo si legge nel nuovo testo dell’art. 2635 del codice civile come sostituito dalla nuova legge. In questo modo, ha osservato la Cassazione, non viene punita la corruzione in quanto tale, ma solo in caso di danno patrimoniale. E’ cambiato il nome della legge, ma non la sostanza, e sara l’impresa stessa a giudicare se i comportamenti corruttivi debbano essere puniti o meno.

Secondo l’ufficio studi della Cassazione si tratta insomma di una modifica che non risponde alle richieste dell’Europa e non e adeguata agli obblighi internazionali che l’Italia si e assunta in materia.

Qui il testo integrale della relazione dell’ufficio studi della Cassazione

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.