FISCO – Riforma: Sangalli, rischioso un aggravio fiscale sui...

LAVORO – Rapisarda: dipendenti filiale in Cigs e interinali...

20 ottobre 2010 Comments (0) News

AMBIENTE – Rifiuti: è colpevole anche l’operaio che utilizza una discarica abusiva

Puo essere imputato del reato di abbandono di rifiuti l’operaio sorpreso a scaricarli “abusivamente” poiche per “titolare di impresa o responsabile di ente” non deve intendersi solo il soggetto formalmente titolare dell’attivita, ma anche colui che eserciti di fatto l’attivita imprenditoriale inquinante. Lo ha affermato in una sentenza, la Corte di Cassazione penale, chiamata in causa dopo una condanna in primo grado e l’appello in Corte per la realizzazione di una discarica abusiva dove venivano depositati resti di lavorazione di agrumi per una quantita di circa 10mila chili.

A nulla e servita la motivazione portate dal condannato, ossia il travisamento dei fatti e delle prove operato dai giudici in riferimento al fatto che non fosse titolare di impresa o responsabile di ente. L’operaio e stato, infatti, sorpreso mentre scaricava i rifiuti nel fiume e cio assicura la riferibilita dell’azione e dunque la responsabilita della condotta. E’ vero anche che ha dichiarato di essere solo un operario, ma non ha indicato alle dipendenze di chi lavorasse sicche l’obiezione mossa e stata giustamente ritenuta generica ed inidonea. Inoltre, la realizzazione di una discarica puo effettuarsi attraverso il vero e proprio allestimento dell’area con il compimento delle opere occorrenti o, anche , con il ripetitivo accumulo nello stesso luogo di sostanze oggettivamente destinate all’abbandono con trasformazione, sia pure tendenziale, del sito, degradato dalla presenza dei rifiuti. Quindi, in questo caso, le modalita della discarica dei rifiuti e il notevole quantitativo di questi dimostrano che si tratta di attivita di impresa.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.