Roma: Alemanno, spese pulizie stadio Olimpico a carico di...

ENERGIA – Fotovoltaico: sensibile riduzione degli incentivi nel...

9 settembre 2010 Comments (0) News

AMBIENTE – Bioplastica: arrivano le stoviglie biodegradabili che rispettano la natura

Design Made in Italy e basso impatto ambientale: nascono le stoviglie biodegradabili, che arricchiscono la casa e rispettano la natura. Appartengono alla collezione Cloe, tutti prodotti firmati dalle italiane Novamont ed Eco-Inn, realizzati interamente in mater-bi, materiale di bioplastica ricavato da materie prime agricole che evita la dispersione nell’ambiente di plastica, e permette la riduzione dell’emissione di anidride carbonica. Arriva, quindi, a casa e sulla tavola una nuova linea di piatti biodegradabile e compostabile con l’obiettivo di “lanciare sul mercato un’intera famiglia di stoviglie e prodotti in grado di sostituire quelle tradizionali in materiale plastico altamente inquinanti, senza rinunciare al risparmio e alla praticita”. Cloe, spiegano i realizzatori, e una linea “pensata per soddisfare le nuove tendenze ed esigenze del mondo della ristorazione e del catering”. Caratteristiche delle eco-stoviglie, sono “praticita sicurezza, leggerezza, eleganza, economicita ed ecosostenibilita”.

Ecco, in sintesi, le caratteristiche delle stoviglie biodegradabili di Novamont ed Eco-Inn: – PESO RIDOTTO: 100 piatti tradizionali in ceramica pesano 40 chili, 100 piatti Cloe pesano 5 chili. Questo consente una riduzione dei costi di movimentazione e una facilita’ di trasporto e stoccaggio anche a fine servizio; – RESISTENZA: le stoviglie resistono agli urti, facilitando notevolmente le operazioni di riordino e di cambio delle portate durante il servizio; – RICICLO: possono essere riutilizzati dopo il lavaggio in lavastoviglie (fino a 3 volte se si utilizza una lavastoviglie industriale a temperature inferiori a 60 gradi); – SMALTIMENTO: a fine vita vengono smaltiti con il rifiuto organico, con un notevole risparmio rispetto a quelli tradizionali in materiale plastico. (Fonte: La Nazione)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.