MANOVRA Bis – Camera: via libera al decreto di...

IMPRESE – Iribus: Romani convoca incontro per mercoledì...

15 settembre 2011 Comments (0) News

AMBIENTE – Pneumatici: dal 7 settembre nuovo scontrino fiscale per l’acquisto di un pneumatico nuovo con evidenziato il “contributo ambientale”

Ha cambiato veste lo scontrino fiscale attestante l’acquisto di un pneumatico nuovo. Dal 7 settembre scorso, infatti, riporta in modo chiaro e trasparente il contributo ambientale relativo ai costi di gestione e al recupero dei pneumatici fuori uso (PFU).

“Sia ben chiaro – precisa Pietro Giordano, segretario generale Adiconsum – il contributo ambientale per lo smaltimento dei vecchi pneumatici non e una tassa. Con il nuovo scontrino, il prezzo di raccolta e recupero, prima inserito nel prezzo di servizio, viene reso visibile e verificabile dal consumatore, permettendo cosi al consumatore di conoscere l’effettivo costo del pneumatico e di compararlo con quello applicato dagli altri punti vendita. Inoltre, e cosa di non poco conto, il recupero dei pneumatici contribuisce alla lotta alle speculazioni e alle pratiche illegali e a contrastare il fenomeno delle discariche abusive, riducendo cosi i costi di bonifica delle zone contaminate sostenuti dai consumatori”.

Per questo Adiconsum insieme con Ecopneus (Societa consortile per la raccolta e il trattamento dei pneumatici fuori uso) ha lanciato la Campagna “Vi siete mai chiesti che fine fanno i pneumatici fuori uso?” per informare i consumatori dell’importanza della raccolta e del corretto trattamento di questa tipologia di rifiuto.

Sul sito www.contributopneumatici.it, a cui si puo accedere anche dal banner dedicato presente sul sito ww.adiconsum.it, e possibile conoscere i dati del nuovo sistema e seguire i vari step della Campagna informativa (pubblicazioni,interviste, ecc.).

“La creazione – conclude Giordano – di un sistema efficiente ed efficace della raccolta e del recupero dei PFU contribuisce alla promozione di un’economia del riciclo in grado di garantire sviluppo economico e nuova occupazione”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.