COMMERCIO -Doppi contributi: Sacconi risponde alla Camera

IMPRESE -Semplificazione: al via lo sportello unico Suap

15 dicembre 2010 Comments (0) Dalla home page

ALLUVIONE -Veneto: dove sono i 300 mln da destinare subito?

Chiarimenti in merito ai tempi di erogazione delle risorse a favore delle zone alluvionate del Veneto pari a 300 milioni di euro, da destinare subito a famiglie e imprese ma che “ancora non sono state versate nelle casse della nostra Regione e sembra addirittura che per erogare un contributo dal 30% al 10% ai nostri territori” la Regione Veneto “debba contrarre un mutuo in banca”, sono stati chiesti dal deputato dell’Udc, Antonio De Poli con un’interrogazione arisposta immediata a cui ha cosi risposto, in vece del ministro dell’Economia Giulio Tremonti,  il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Elio Vito.

“Al riguardo, il Ministero dell’Economia e delle finanze fa presente che, ai sensi dell’articolo 10 dell’ordinanza del presidente del Consiglio dei ministri del 13 novembre 2010 n. 3906, il Fondo della protezione civile e stato appositamente integrato dal Ministero stesso per il citato importo di 300 milioni di euro per far fronte alle misure arrecate dalla stessa ordinanza. A tal proposito, il Dipartimento della protezione civile comunica che, a seguito del provvedimento di assegnazione da parte del Ministero dell’economia e delle finanze, le predette somme sono state acquisite al bilancio del Dipartimento stesso in data 10 dicembre 2010. Inoltre, il Dipartimento della protezione civile precisa che il relativo titolo di spesa di 300 milioni di euro e stato prontamente inoltrato nella stessa data all’ufficio bilancio e ragioneria che, nonostante le chiusura dell’esercizio finanziario, su espressa richiesta dello stesso Dipartimento, provvedera a validarlo e renderlo esecutivo nei prossimi giorni. Infine, posso aggiungere un ulteriore elemento comunicato dal Ministero dell’Ambiente che ha gia avviato una serie di incontri per la predisposizione di un accordo di programma che verra a breve stipulato con la Regione Veneto. L’accordo prevede il finanziamento da parte del Ministero dell’Ambiente di un importo pari a 56 milioni di euro per la realizzazione di interventi per la prevenzione del rischio idrogeologico”.

Al termine dll’intervento del ministro Vito, il deputato De Poli ha replicato “spero e credo – la speranza e sempre l’ultima a morire – che queste risorse effettivamente arrivino in Veneto. Sarebbero dovute arrivare in tempi brevissimi. Lei ha citato forse sette, otto o dieci uffici ai quali e pervenuta la somma attesa e dove la prassi ha fatto il percorso previsto, pero, ad oggi, tutte le nostre aziende, tutti i nostri cittadini e tutti i nostri comuni hanno visto solamente quei volontari – che voglio ringraziare anche in questa sede – che sono andati ad aiutarli direttamente, non per realizzare la solita «passeggiata di spot» come ha fatto qualcuno del Governo, e che hanno lavorato tirandosi su le maniche in mezzo alla melma per dare una mano a queste persone. Altrettanto riguarda la proposta di prorogare almeno di sei mesi la scadenza delle tasse prevista entro dicembre che questo Parlamento ha approvato all’unanimita attraverso un ordine del giorno”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.