CONSUMATORI – Aduc: una class action contro Microsoft per...

MILLEPROROGHE – Senato: inammissibili emendamenti sul federalismo e sul...

1 febbraio 2011 Comments (0) News

AGRICOLTURA – Quote latte: Politi, la legge c’è, facciamola rispettare e basta

Anche nel settore del latte bisogna costruire un futuro di certezze e consentire soprattutto ai giovani di riprendere con forza la strada dello sviluppo e della competitivita. Lo ha affermato il presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori Giuseppe Politi concludendo a Milano il convegno promosso dall’Agia-Associazione giovani imprenditori agricoli sul tema ”Le sfide della competitivita per i giovani produttori di latte”. Politi ha ribadito che e necessario “quindi, porre definitivamente fine all’annosa questione delle quote salvaguardando gli interessi di chi e’ stato alle regole ed evitando che i furbi la facciano nuovamente franca. Basta con la farsa delle proroghe per le multe. La legge c’e e va rispettata. E’ necessario, al contrario, agire con politiche nuove, con interventi incisivi che permettano agli allevatori di uscire da una crisi che mette a rischio la stessa sopravvivenza delle imprese”.

”E’ giunto il momento – ha proseguito Politi – anche in vista della riforma Pac post 2013 e della fine del regime delle quote, di aprire una fase nuova nel settore lattiero-caseario. Oggi il comparto vive una situazione molto complessa. Per gli allevatori e ormai profondo rosso. Il prezzo alla stalla non e piu remunerativo, mentre i costi continuano a crescere a livelli vertiginosi e hanno raggiunto un peso insostenibile. Non possiamo – ha sottolineato ancora – fossilizzare il settore sul problema delle quote, che per molti, troppi anni, ha condizionato pesantemente l’agricoltura italiana. E’ ora di finirla una volta per tutte. La legge c’e, facciamola rispettare e basta. Pensiamo, invece, al futuro. Lavoriamo – ha concluso il presidente della Cia – per dare al comparto lattiero-caseario gli strumenti necessari per lo sviluppo e per competere con piu efficacia sui mercati, oggi sempre piu globali e difficili”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.