SANITA’ – Lazio: Federlazio risponde alla Polverini su posizione...

LIBERALIZZAZIONI – MNLF: totale condivisione parole Marcegaglia contro tentativo...

28 maggio 2010 Comments (0) News

AGRICOLTURA – Kiwi: virosi nel Lazio e -30% al Nord per maltempo

Una virosi sta colpendo le coltivazioni di actinidia falcidiando piante e raccolti, ed e emergenza kiwi nel Lazio (in particolare nell’agro pontino) a causa di un microrganismo, il Psa (Pseudomonas syringae pv. Actinidiae). Lo ha comunicato la Confagricoltura evidenziando che l’andamento climatico degli ultimi due anni, caratterizzati da una lunga stagione fredda accompagnata da piogge, ha creato il terreno favorevole alla proliferazione di questo batterio, particolarmente aggressivo. La virosi si sta diffondendo molto rapidamente, creando allarme per una coltivazione di grande valore economico: oltre il 30% della produzione nazionale e nel Lazio. “Il batterio – ha evidenziato Confagricoltura – attacca violentemente le piante che prima di morire hanno essudazioni di colore rosso vivo”.

Confagricoltura ha avvertito che e necessario agire prontamente per evitare che il danno si aggravi ulteriormente. Oltre ad attivare un’unita di crisi regionale di coordinamento degli interventi va adottato un piano straordinario di prevenzione, controllo e eradicazione della malattia. Vanno anche previste congrue misure di sostegno per gli agricoltori danneggiati. L’Organizzazione degli imprenditori agricoli sta monitorando con attenzione la situazione e mette in evidenza il ruolo fondamentale della ricerca e della collaborazione con le universita per individuare validi rimedi per arginare l’infezione.

Nella zone di Latina e dei Castelli ad essere piu colpita e la varieta “gialla”. Il grado di infestazione ha una progressione spaventosa, con una perdita del 70% del raccolto – rileva Confagricoltura -. “Oggi un kiwi ogni tre e Made in Lazio – ha spiegato Confagricoltura – e, tradotto in cifre, si parla di una produzione di oltre 160mila tonnellate”. Confagricoltura e Cia di Latina hanno gia tenuto un primo incontro con i produttori pontini e le Istituzioni provinciali e regionali, per profilassi ed assistenza per i danni.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.