Pmi – Accesso al credito sempre più difficile

Isae: gli italiani recuperano fiducia

26 gennaio 2009 Comments (0) News

A rischio fallimento le micro-imprese

Ma diminuiscono protesti, liquidazioni coatte e volontarie

Per l’anno in corso si teme un ulteriore balzo in avanti nei fallimenti, dopo il dato negativo registrato nel 2008 che, seppur limitato ( piu di 12mila aziende su un totale di 5 milioni registrate), e pur sempre un campanello d’allarme perche segnala un raddoppio delle imprese in crisi rispetto al 2007.

Secondo le elaborazioni Cribis.it su dati delle Camere di commercio sono a rischio le aziende piu piccole e fragili, micro-aziende in testa, soprattutto se contoterziste e prive di prodotto.

Ma se si moltiplicano per sei i fallimenti della provincia di Napoli, che scala la classifica nazionale, piazzandosi cosi davanti a Roma, diminuiscono i protesti (1,4 milioni) e altre procedure concorsuali come le liquidazioni volontarie (13.400) e quelle coatte amministrative (318). Dopo Napoli, Roma che si attesta sui mille fallimenti e i maggiori aumenti di fallimenti si sono verificati anche a Brescia, Catania, Ravenna, Alessandria e Bologna. Poche invece le province in controtendenza: Bari, Potenza, Matera, Ragusa, Imperia, Verbania e Caltanissetta.

_____________________________________________________________________________
Fallimenti
Il fallimento e una procedura concorsuale disposta dall’autorita giudiziaria e finalizzata a liquidare il patrimonio dell’imprenditore insolvente e distribuirne il ricavato tra i creditori secondo il criterio della par condicio, fatte salve le cause legittime di prelazione

Protesti
Il protesto e un atto giuridico, in forma scritta, con il quale un pubblico ufficiale accerta l’avvenuta presentazione di una cambiale o di un assegno al debitore (protestato) e il rifiuto di quest’ultimo (persona fisica o giuridica) di pagare. Il protesto e un atto pubblico

Liquidazioni volontarie
La liquidazione volontaria e la fase della vita aziendale che inizia quando si verifica un avvenimento che determina lo scioglimento della societa e si procede a convertire in denaro l’attivo esistente ed estinguere i debiti sociali, ripartendone l’eventuale residuo tra i soci
_____________________________________________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.