CRISI – Imprese: Cerved, non si arresta l’ascesa dei...

MADE IN ITALY-The Flexx: lanciato il piano retail

3 dicembre 2014 Comments (0) Dalla home page

STARTUP-Partnership Iag e 2i3T: per nuove imprese eccellenti

Il mondo della ricerca universitaria e dell’imprenditoria si uniscono per sviluppare le imprese ad alto potenziale di crescita. Italian Angels for Growth (Iag), la più grande associazione italiana di Business Angel attiva dal 2007 nello sviluppo di nuove realtà imprenditoriali, e 2i3T, società per la gestione dell’Incubatore di Imprese e per il Trasferimento Tecnologico dell’Università degli Studi di Torino, annunciano la loro partnership per sostenere lo sviluppo di progetti e startup ad alto potenziale di crescita.

“Siamo sicuri che questo accordo sarà un ulteriore elemento di accelerazione per le nostre startup ad alto potenziale – afferma Giuseppe Serrao, direttore di 2i3T, che aggiunge – La partnership con Iag consolida la nostra strategia di diventare un hub di riferimento sul territorio per i diversi stakeholder, sia per coloro che siano interessati ad avviare nuovi progetti che per gli attori che siano interessati a sostenerli e finanziarli, con l’obiettivo comune dello sviluppo del nostro sistema economico ed imprenditoriale”.

In base all’accordo, Iag e 2i3T diventano soci per sostenere la crescita dei progetti early stage e delle startup innovative selezionate dall’incubatore attraverso un affiancamento in cui:

– i soci IAG mettono a disposizione il proprio Know-How, in particolare attraverso attività di tutoring e di mentoring, per sostenere lo sviluppo delle realtà imprenditoriali;

– l’Incubatore 2i3T può valorizzare la conoscenza del proprio bacino di progetti e start up, offrendo a chi si trova in fase più avanzata l’opportunità di essere selezionato per la fase di screening dell’Associazione e di poter accedere ad un eventuale conferimento di capitali da parte degli angels.

Grazie a questa partnership entrambe le realtà combinano le loro forze per valorizzare sempre più in chiave economica i risultati della ricerca svolta in ambito accademico promuovendo e sostenendo la creazione di nuove imprese ad alto contenuto di conoscenza.

I Soci Iag, più di 120, sono imprenditori, manager, professionisti e esperti di finanza che ad oggi hanno investito, anche con il contributo di altri operatori, 22,5 milioni di euro in 28 imprese innovative, eccellenze della ricerca e dello sviluppo tecnologico.
2i3T – Società per la gestione dell’Incubatore di Imprese e per il Trasferimento Tecnologico dell’Università degli Studi di Torino, nata nel 2007, svolge un’intensa attività di scouting che ha portato alla creazione di 40 nuove aziende science based nel settore della salute (44%), energia ed ambiente (18%), agro-alimentare (18%) digitale (12%) Innovazione Sociale (6%), generando oltre 150 posti di lavoro ad alto contenuto di conoscenza.

“Si tratta di un accordo che promuove lo sviluppo delle startup e dei progetti gestiti dall’incubatore 2i3T- afferma Maria Cristina Fenoglio Gaddò, socio Iag e referente per l’incubatore, che aggiunge – Grazie a questa partnership le competenze imprenditoriali degli angels si affiancheranno alle competenze scientifiche delle startup e dei progetti early stage sostenendone la crescita”.
Italian Angels for Growth (IAG) è il maggiore angel group in Italia. Nato nel 2007 dalla volontà di nove angeli fondatori, IAG conta oggi più di 120 soci e rappresenta una delle più solide realtà dell’angel investing europeo.
L’associazione ha sviluppato attraverso i propri soci e il coinvolgimento di altri operatori, investimenti in capitale di rischio per circa 22.5 milioni di euro suddivisi in 40 round d’investimento. I soci IAG hanno contribuito alla nascita e alla crescita di 28 imprese innovative, eccellenze della ricerca, dello sviluppo tecnologico, dello spirito imprenditoriale italiano, tra cui Spreaker, Stereomood, ProxToMe, Biogenera, S5Tech, Eugea, Win, SediciDodici, Agroils, Ohikia, Margherita Fingerguard, Angiodroid, Musement, Cellply, Lovli, GiPStech.

2i3T – Incubatore d’Imprese dell’Università degli Studi di Torino. L’Incubatore viene definita una “bridging institution”, un’istituzione ponte tra la ricerca e l’applicazione dei suoi risultati sul mercato. I Soci fondatori sono gli Enti di riferimento sul territorio: Università di Torino, Comune di Torino, Provincia di Torino e Regione Piemonte attraverso il suo braccio operativo Finpiemonte. Nella mission dell’Incubatore le start up innovative rappresentano uno strumento strategico per la creazione di un sistema guidato dall’Economia della Conoscenza: per raggiungere questo obiettivo sono state mappate dal 2007 oltre 1000 competenze nell’ambito dei diversi settori di ricerca creando 40 start up science based.
Pur essendo un tool dell’Università la gestione delle attività non impiega fondi di Ateneo in quanto è sostenuta dal reperimento di risorse provenienti da fondi europei e da fondi privati.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.