experian_nuovo

SICUREZZA IT-Attacchi informatici: i consigli di Cristina Iacob di...

Waymedia e Digital Angels per Link Campus

COMUNICAZIONE-WayMedia e Digital Angels firmano le campagne online della...

31 luglio 2017 Commenti disabilitati Commerciale

FOOD-La pasta artigianale pugliese conquista l’estero: il caso Cocozza

cocozza1
Dal 1980 Cocozza sviluppa macchine per la produzione di pasta in tutte le sue forme seguendo la tradizione della produzione artigianale. Ad oggi, a fronte di un fatturato di 270.000 euro annui (dato 2016) il 34% deriva da un export sempre più trainante.

 

 In un mercato che punta sempre più alla produzione massiva destinato alla grande distribuzione ci sono imprenditori che puntano tutto sulla qualità artigianale e sulle peculiarità delle cucine regionali italiane. Pasquale Cocozza, titolare dell’azienda di famiglia da oltre 40 anni, è la seconda generazione che si occupa di questo settore.

E ancora una volta le tipicità del “made in Italy” si rivelano l’arma vincente per superare la crisi. Basti pensare che ad oggil’azienda conta 6 lavoratori e riesce a produrre un fatturato di 270.000 euro annui (dati 2016), di cui 90.000 (circa il 34%) derivanti dall’export, risultato particolarmente importante perché solo di recente la Cocozza Tecnologie Produttive per Pasta si è dedicata alla vendita all’estero.

A puntare gli occhi sulla produzione artigianale Cocozza sono soprattutto Inghilterra, Croazia, Germania e Svizzera ma i prossimi obiettivi parlano già di uno sbarco nel mercato canadese.

“L’assistenza e la consulenza tecnica verso il cliente è uno dei punti forti dell’azienda, per questo ci tengo in maniera particolare ad essere io a gestire le richieste dei clienti una volta acquistato i suoi macchinari – ha spiegato Cocozza – I piani per il futuro sono quelli di espandersi all’estero, dal momento che la richiesta in Italia va diminuendo. In un mercato caratterizzato dalla delocalizzazione noi e la nostra azienda vogliamo essere un esempio di imprenditoria che non solo affronta la competizione portando avanti la qualità del made in Italy, ma punta anche alla sua esportazione nel mondo”.

Fonte: Notiziabile.it

Comments are closed.