L.STABILITA’ – Ambiente: non saranno vendute le spiagge demaniali...

PALERMO – Vie dei Tesori: cconferenza stampa conclusiva con...

13 novembre 2013 Comments (0) News

FISCO – Rateizzazione Equitalia in 120 rate: approvato il decreto attuativo

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 262 dell’8 novembre 2013 e stato finalmente pubblicato il decreto Mef 6 novembre 2013, attuativo delle disposizioni del DL n. 69/2013, conv. L. n. 98/2013 (Decreto del Fare) che aveva previsto che si potesse richiede una rateazione fino a un massimo di 120 rate mensili (10 anni) (anziche’ le ordinarie 72 rate mensili) nei casi in cui il cittadino si fosse trovato, per ragioni non dipendenti dalla sua responsabilita’, in una grave e comprovata situazione di difficolta’ legata alla congiuntura economica. La possibilita di estendere la rateazione fino a 120 rate e pero rimasta di fatto bloccata fino all’emanazione del decreto attuativo.

Il Decreto definisce: “piano ordinario” il piano di rateazione della durata massima di 72 rate e “piano straordinario” quello della durata massima di 120 rate. Entrambi i piani possono prevedere una proroga: ordinaria se si richiedono ulteriori 72 rate; straordinaria se si richiedono ulteriori 120 rate. Il piano di rateazione straordinario puo essere riconosciuto solo in presenza di due presupposti: la comprovata e grave situazione di difficolta ad adempiere legata alla congiuntura economica; la circostanza che tale difficolta non sia imputabile alla responsabilita del debitore. I due presupposti devono essere attestati dal debitore stesso con istanza motivata. Spettera’ all’agente della riscossione la verifica della completezza della richiesta.

Per ottenere la rateazione o la proroga straordinaria saranno pero necessari altri due requisiti: l’accertata impossibilita del debitore di eseguire il pagamento del debito tributario con un piano ordinario; la solvibilita del debitore, valutata in base al piano di rateazione concedibile.

Il Decreto prevede a tal fine che i due requisiti sussistano quando l’importo della rata: per le persone fisiche e le ditte individuali con regimi fiscali semplificati, e superiore al 20% del reddito mensile del nucleo familiare del richiedente accertato mediante l’indicatore della situazione reddituale (Isr) rilevabile dal Modello Isee da allegare all’istanza; per i soggetti diversi dalle persone fisiche e dalle ditte individuali con regimi fiscali semplificati, e superiore al 10% del valore della produzione, rapportato su base mensile ed enucleato ai sensi dell’art. 2425, n. 1 (Ricavi delle vendite e delle prestazioni), n. 3 (Variazione dei lavori in corso di ordinazione) e n. 5 (Altri ricavi e proventi, con separata indicazione dei contributi in conto esercizio) c.c. e l’indice di liquidita [(Liquidita differita + Liquidita corrente) / Passivo corrente] ecompreso tra 0,5 ed 1.

Il numero delle rate dei piani straordinari sara modulato in base al rapporto esistente tra la rata e il reddito o il valore della produzione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>