IMPRESE – Appuntamento con qualità e innovazione: torna la...

PROFESSIONI – Albo unico: no di ingegneri e periti...

23 aprile 2012 Comments (0) News

FISCO – Imu: Cgia, è quasi impossibile pagare la seconda rata per le seconde case e per immobili a uso commerciale e produttivo

Se i Comuni modificheranno l’aliquota ordinaria del 7,6 per mille, sara un vero e proprio rebus pagare anche la seconda rata dell’Imu sulle seconde case e sugli immobili a uso commerciale e produttivo. A dichiararlo e il segretario della Cgia di Mestre, Giuseppe Bortolussi. Come previsto dalla normativa, entro il 17 dicembre bisognera versare il saldo dell’Imu. Secondo le ipotesi elaborate dalla Cgia, il problema si complichera enormemente nel caso in cui i Comuni modificassero nei prossimi mesi l’aliquota ordinaria del 7,6 per mille. Infatti, la nuova imposta prevede che il gettito delle seconde case e dei beni strumentali (capannoni, negozi, uffici, etc.) andra per il 50% ai Comuni e per l’altro 50% all’Erario.

Ma andiamo con ordine. La scadenza del pagamento della prima rata e prevista per il prossimo 18 giugno. In questa occasione, quasi tutti i Comuni applicheranno l’aliquota base. Pertanto, bastera dividere a meta l’importo da versare indicando nel modello F24 la quota da destinare all’Erario e quella da versare al Comune. La situazione, purtroppo, si complichera enormemente se il Comune decidera, dopo il 18 giugno, di aumentare l’aliquota. Se, ad esempio, verra portata all’8 per mille, la definizione della quota da pagare con la seconda rata, si stabilira tramite un doppio calcolo: il primo per determinare l’importo che andra all’Erario, sempre calcolato con l’aliquota ordinaria (7,6 per mille), il secondo per calcolare l’importo che andra al Comune, tenendo conto che la parte eccedente il 7,6 per mille andra tutta al Comune. Questa situazione si verifichera anche nel caso i Comuni dovessero abbassare l’aliquota ordinaria.

“Tutto cio – ha aggiunto Bortolussi – creera dei grossi problemi a tutti i contribuenti per calcolare quale importo dovra essere versato all’Ente locale e quale allo Stato. Una situazione veramente diabolica che rischia di mandare nel panico milioni di contribuenti”.

Piu sotto la Cgia riporta 2 casi che vedono modificata l’aliquota ordinaria del 7,6 per mille.

Nota: I calcoli sono stati effettuati su una abitazione di categoria A3, rendita catastale di 424,97 euro con annessa pertinenza (autorimessa) di categoria catastale C6, rendita catastale 85,27 (al netto della rivalutazione). Le rendite corrispondono alle rendite media nazionali.

SECONDA CASA: a giugno e a dicembre aliquota rimane sempre al 7,6 per mille

Debito Imu annuo 651,47 euro

LE RATE

Totale F24

Cosi nel Modello F24

Comune
cod 3918

Stato
cod 3919

1 Rata entro 18 giugno

326

163

163

2 Rata entro 17 dicembre

326

163

163

Gli importi vanno indicati nel modello F24 nella SEZIONE IMU E ALTRI TRIBUTI LOCALI

Elaborazione Ufficio studi CGIA Mestre

SECONDA CASA: a giugno aliquota del 7,6 per mille che sale a dicembre all’8 per mille

Debito IMU annuo 685,76 euro

LE RATE

Totale F24

Cosi nel Modello F24

Comune
cod 3918

Stato
cod 3919

1 Rata entro 18 giugno

326

163

163

2 Rata entro 17 dicembre

360

197

163

Gli importi vanno indicati nel modello F24 nella SEZIONE IMU E ALTRI TRIBUTI LOCALI

Elaborazione Ufficio studi CGIA Mestre

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>